Ucciso dalla convivente a Trapani: lei lo aveva già annunciato su Facebook :ilSicilia.it
Trapani

i post

Ucciso dalla convivente a Trapani: lei lo aveva già annunciato su Facebook

di
31 Ottobre 2021

Con due post su Facebook ieri alle 23.36 e alle 23.38, Vanda Grignani, la donna arrestata per l’omicidio del convivente ucciso ieri notte, aveva scritto qualche ora prima del delitto che avrebbe fatto “qualcosa che non avrei mai pensato, vi amo. Perdonatemi”.

“Scusate vi voglio bene a tutti mi manca la mia famiglia sono sola questo essere mi ha portato all’esasperazione. La polizia e i carabinieriCon due post su Facebook ieri alle 23.36 e alle 23.38, Vanda Grignani, la donna arrestata per l’omicidio del convivente ucciso ieri notte di Trapani sembrano che vadano d’accordo con lui”.

E ancora: “Ho chiesto aiuto questo mi ha distrutto. La polizia e carabinieri di Trapani difendono lui. Va bene sono stanca. Non ho più niente da perdere perdonatemi”.

Quei messaggi, agghiaccianti alla luce di quanto successo, non sono stati presi sul serio dagli amici che li hanno letti e commentati sulla pagina Fb della donna. Qualcuno consigliava a Vanda Grignani, accusata di avere ucciso il compagno Cristian Favara, di “stare tranquilla e che nella vita con rabbia e pensieri strani abbiamo solo da perdere”.

Altri le suggerivano di riflettere bene: “Non farti fregare dalla rabbia. Devi mantenere la calma e le situazioni si risolveranno”. Nessuno ha creduto che la donna potesse passare dalle parole ai fatti.

“Vanda cerca di stare calma tutto passa sta tranquilla è solo un brutto momento passerà Dio e la Madonna ti aiuteranno vedrai devi fare morire chi ti fa star così male e fregartene”, scriveva ieri sera una persona mentre poche ore dopo si sarebbe consumata la tragedia.

Quando si sparge la notizia del delitto di Trapani, a caldo alcuni amici e conoscenti di Vanda sul profilo Fb della donna scrivono messaggi e commenti pensando che la vittima sia lei e non il convivente.

“La verità mia cugina non c’è più”, scrive un parente; “Inaccettabile, Vanda mi ha chiamata ieri non vedevo l’ora che scendevo e dove devo venire a trovarti adesso non ci posso credere””, scrive una donna.

E ancora: “Non conosco bene Vanda ma ci siamo aggiunti qui su Facebook per la passione del wrestling, credo stia bene e chiedo soprattutto ai parenti cosa stia succedendo se possibile” e una persona risponde: “E’ morta purtroppo”.

“Non ci posso credere non ho parole amica mia rip in pace, piccola Vanda resterai sempre nel mio cuore”, il commento di un’altra donna seguita da dei fiori. E Roby aggiunge: “Riposa in pace Vanda spero che adesso lassù ritrovi la serenità che ti mancava”.

In realtà, la vittima è Cristian. E Vanda l’assassina, arrestata per l’omicidio del compagno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.