Ucciso in rissa a Marsala: i fermati forniscono la loro versione :ilSicilia.it
Trapani

le dichiarazioni

Ucciso in rissa a Marsala: i fermati forniscono la loro versione

di
9 Ottobre 2021

Dagli interrogatori di garanzia, davanti al gip di Marsala Sara Quittino, di due dei tre romeni (i due maggiorenni) fermati, ieri, dalla polizia per la rissa sfociata, giovedì sera, intorno alle 23.30, nel centro di Marsala, nell’omicidio del 28enne marsalese Luigi Loria, sono emersi, oggi, altri particolari sul delitto e sui motivi che l’hanno causato.

I due fermati, su consiglio del loro legale, l’avvocato Vincenzo Forti, non si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, fornendo la loro versione dei fatti. Hanno spiegato che i litigi tra il loro gruppo familiare e quello dei Loria erano iniziati circa un mese fa, perché alcuni tra i secondi si sarebbero intrattenuti sotto casa loro, in una stradina vicino piazza della Repubblica, fino a tarda notte, bevendo alcolici, facendo baccano e persino urinando sul portone d’ingresso dei romeni. E alle proteste di questi ultimi, i marsalesi avrebbero replicato, sempre secondo la versione dei due romeni, con sberleffi, insulti e minacce di morte.

E giovedì sera, quando il 38enne Constantin Tapu ha incontrato alcuni dei Loria in via Curatolo, avrebbe riaperto il discorso, ammonendoli a non farlo più. Per questo, sarebbe stato aggredito e selvaggiamente picchiato. Lui ha, quindi, chiesto aiuto al figlio e ad un nipote. E uno dei due, Ion Nadoleanu, di 20 anni, ha sferrato due coltellate, una al collo e l’altra allo sterno, a Luigi Loria, poi deceduto, nella notte, al Pronto soccorso dell’ospedale “Paolo Borsellino”. Al giudice, Nadoleanu ha detto che non era sua intenzione uccidere, ma fermare il pestaggio del familiare Ammettendo le sue responsabilità, Nadoleanu ha detto che dopo avere ferito al collo Loria, lo ha colpito “accidentalmente” allo sterno scivolando sul basolato della strada. Al termine degli interrogatori, l’avvocato Forti si è associato alla richiesta della Procura di confermare la custodia cautelare in carcere. “Ciò anche nell’interesse dei miei assistiti” ha spiegato il legale.

Per i tre romeni (il 16enne sarà interrogato lunedì davanti il giudice del Tribunale per i minorenni di Palermo), le accuse a vario titolo contestate sono rissa, omicidio volontario e porto abusivo di arma da taglio. Per Giuseppe e Katia Loria, di 26 e 20 anni, fratello e sorella dell’ucciso, anche loro fermati, l’accusa è rissa aggravata.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin