Ucciso per sbaglio dai boss, il Comune inaugura una piazzetta con il suo nome [Gallery] :ilSicilia.it

Ucciso per sbaglio dai boss, il Comune inaugura una piazzetta con il suo nome [Gallery]

di
18 Marzo 2017


Una piazzetta intitolata ad una vittima innocente di mafia. Da oggi la piazzetta del Casello, nel quartiere di Tommaso Natale, a Palermo, è stata intitolata a Giuseppe D’Angelo, il pensionato di 63 anni ucciso ad agosto del 2006 per uno scambio di persona nella borgata marinara di Sferracavallo.  L’omicidio fu ricostruito dai collaboratori di giustizia Gaspare Pulizzi e Francesco Briguglio, che facevano parte del commando di killer che lo scambiarono per il boss Lino Spatola.

“Se siamo qui – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – è per abbracciare simbolicamente i familiari di Giuseppe D’Angelo e per ricordare con ancora più forza che la mafia e’ cieca, tanto cieca da uccidere un cittadino esemplare, un lavoratore onesto, stimato e apprezzato da tutti coloro che l’hanno conosciuto. Però, se la mafia è morte, la memoria è vita”. Alla cerimonia di intitolazione, oltre al sindaco Orlando erano presenti il presidente della VII Circoscrizione, Pietro Gottuso, il responsabile dell’Ufficio Toponomastica del Comune di Palermo, Michelangelo Salamone, il coordinatore provinciale di Libera, Giovanni Pagano, e la sorella della vittima.

Per la sua morte fu condannato all’ergastolo Gaspare Di Maggio mentre i collaboratori di giustizia Gaspare Pulizzi e Francesco Briguglio a dieci anni e sei mesi ciascuno. All’indomani della sentenza la sorella Caterina annunciò che i 50 mila euro di provvisionale assegnata dal giudice sarebbero stati impegnati per iniziative sociali. “Lo ripeto dal giorno dell’omicidio, il 22 agosto 2006: mio fratello Giuseppe era una persona per bene. Adesso è un martire – disse – ma Palermo l´ha dimenticato. I Lo Piccolo, invece, non sono uomini, e neanche bestie: sono criminali. Non potrò perdonarli mai, anche se sono cattolica”. Da oggi la toponomastica cittadina aiuterà a non dimenticarsene.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.