22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.11
Messina

Appuntamento presso la Chiesa Madre di Ucria

Ucria, concorso presepi di Natale: il 7 gennaio la premiazione [FOTOGALLERY]

3 Gennaio 2018
'
'
'
'
'
'
'
'

Sono 25 i presepi iscritti al primo concorso “Presepi di Natale” ad Ucria, che coinvolge tutti gli ucriesi, abitanti nei vari quartieri del borgo rurale, concorso indetto dalla Parrocchia San Pietro Apostolo di Ucria, dalle associazioni ucriesi, Consulta Giovanile, Associazione teatrale “Bellezza Mia” e dal comune di Ucria e promosso nel “Natale ucriese 2017”.

Il concorso nato dall’idea di Anna Casella e Olinda Gullotti entusiasma il presidente della Consulta Giovanile di Ucria, che insieme a tanti altri, organizza e bandisce il concorso, che coinvolge grandi e piccini, e invita a costruire nei propri quartieri il Presepe natalizio.
Questa prima edizione del concorso presepiale, ha visto la partecipazione di ben 25 opere, un numero inaspettato di partecipanti e la giuria composta dal Parroco Carmelo Catalano Puma, vice sindaco, Rosario Scalisi, Anna Casella, Olinda Gullotti, il presidente della Consulta Carmelo Ricciardi, Maria Scalisi e Giacomo Tripoli, giorno 02 gennaio 2018 hanno visitato e giudicato le varie opere.
La premiazione si terrà giorno 7 gennaio, presso la Chiesa Madre di Ucria, dopo la santa messa, verranno premiati i presepi considerati dalla giuria più belli e particolari.
“L’importanza di tale iniziativa riguarda non solo l’abbellimento delle strade e dei quartieri ucriesi, ma l’esaltazione dello spirito della Natività: evento che nella povertà ed essenzialità in cui si svolse, non solo ha cambiato il mondo ma è ancora oggi in grado di indicare la via ad una società che cresce molto in termini tecnologici, ma troppo poco in termini di unione, di ascolto e di relazioni umane”, si legge in una nota.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.