Ufficio stampa Regione, Musumeci vs Crocetta: "Da settembre a lavoro per il concorso" :ilSicilia.it

La norma ha l'ok della Corte costituzionale

Ufficio stampa Regione, Musumeci vs Crocetta: “Da settembre a lavoro per il concorso”

di
28 Luglio 2018

“Per la Corte costituzionale, la norma sulla ricomposizione dell’Ufficio stampa della Regione Siciliana è legittima e quindi può essere applicata da subito. Pertanto già a settembre istituiremo un Tavolo di lavoro per procedere, con celerità, alla predisposizione del bando di concorso“.

Lo ha comunicato ieri il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, durante l’incontro avvenuto a Palazzo d’Orleans con i vertici regionali dell’Ordine dei giornalisti e dell’Assocoazione della stampa, guidati da Giulio Francese e Roberto Ginex, per affrontare e definire i temi riguardanti gli Uffici stampa nell’Isola.

Proprio Musumeci, lo scorso anno, da deputato dell’opposizione, si era fatto promotore di un emendamento, poi appoggiato trasversalmente da moltissimi parlamentari di tutti gli schieramenti, che puntava a ricostruire l’Ufficio stampa – smantellato interamente dal presidente Crocetta appena insediatosi – attraverso il concorso pubblico.

CrocettaLa norma, approvata poi dall’Ars, era stata parzialmente impugnata dal Consiglio dei ministri, ma attraverso l’interlocuzione avviata, in questa legislatura, dalla Presidenza della Regione con il dipartimento degli Affari regionali si è trovata la soluzione per correggere la disposizione e superare, così, indenne il passaggio davanti alla Corte costituzionale.

Nel corso della riunione, alla quale ha partecipato anche il segretario generale della Regione Maria Mattarella, sono stati affrontati diversi aspetti legati al mondo dell’informazione, con particolare riferimento proprio al settore degli Uffici stampa in Sicilia, dove, malgrado la presenza di un’avanzata legislazione, regna ancora una diffusa deregulation.

“L’obiettivo – aggiunge il governatore – è quello di concludere le procedure entro la fine dell’anno. Inoltre il Tavolo tecnico tenterà di mettere ordine all’interno degli Uffici stampa nei Comuni, nella Sanità e negli enti sottoposti a controllo e vigilanza della Regione. Da oggi, a Palazzo d’Orleans si cambia registro in tema di comunicazione. Dopo oltre cinque anni di informazione ‘fai da te’, vogliamo ripristinare un sistema affidato a professionisti, come nelle altre Regioni italiane”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin