Ugl, rinnovato il contratto della dirigenza della Regione Siciliana :ilSicilia.it

il fatto

Ugl, rinnovato il contratto della dirigenza della Regione Siciliana

di
26 Gennaio 2022

Sottoscritto il rinnovo del contratto collettivo regionale di lavoro del personale dell’area della dirigenza della Regione Siciliana e degli enti di cui all’articolo 1 della legge regionale 15 maggio 2000, n.10, con un complessivo impegno finanziario di poco meno di 9 milioni di Euro per il triennio 2016/2018.

A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia e Ernesto Lo Verso, Segretario Federazione regionale Ugl Autonomie a margine della conclusione della contrattazione tenuta presso la sede dell’ARAN SICILIA a Palermo.

Abbiamo rinnovato il CCRL per il triennio normativo ed economico 2026/2018 in favore di 1630 dirigenti della Regione Siciliana, che prevede un incremento complessivo di oneri finanziari pari ad Euro 8.822,453,82 – aggiungono i due sindacalisti – di cui euro 6.301.752,73 di oneri per incremento economico (2016/2017) e tabellare (2018) ed Euro 2.520.701,09 per oneri riflessi (previdenza e quiescenza). Gli oneri per incremento economico per il 2016 sono pari ad Euro 460.168,56, per il 2017 pari a 1.393,288,13; mentre gli oneri tabellari per l’anno 2018 sono pari a 3.834.737,97 e gli oneri per incremento del Fondo accessorio e Istituti normo-economici ammonta a 613.558,07. Ai lavoratori andrà in busta paga un incremento al lordo di Euro 21,72 per il 2016, di Euro 65,75 per il 2017, di Euro 209, 92 per il 2018 così suddivisi: 180,97 (incremento tabellare) ed Euro 28,95 (incremento fondo accessorio e istituti normo –economici).

Sanato così il buco prodotto dal precedente governo regionale, che ha toppato col mancato rinnovo; la partita adesso si sposta sulla riclassificazione del personale del comparto della Regione siciliana e l’avvio della concertazione per il rinnovo del triennio 2019/2021 – concludono Messina e Lo Verso – e come Ugl siamo sempre pronti a sostenere quell’esecutivo che assume gli impegni e poi li mantiene. Non siamo interessati ad atteggiamenti conflittuali e contrapposizioni ideologiche, abbiamo a cuore solo il benessere dei lavoratori.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.