Ultimatum dell'UE all'Italia: "Senza investimenti al Sud, tagliamo i fondi" :ilSicilia.it

Armao già nel 2015 aveva fatto un esposto

Ultimatum dell’UE all’Italia: “Senza investimenti al Sud, tagliamo i fondi”

di
8 Ottobre 2019

Se non verrà mantenuto un adeguato livello d’investimenti pubblici nel Mezzogiorno, l’Italia rischia un taglio dei fondi strutturali. È l’allarme della Commissione Ue, che nei giorni scorsi ha inviato una lettera al Governo “indicando le cifre più che preoccupanti sugli investimenti al Sud, che sono in calo e non rispettano i livelli previsti per non violare la regola Ue dell’addizionalità”. Lo ha detto il direttore generale per la Politica regionale della Commissione Ue, Marc Lemaitre.

Per garantire un effettivo impatto economico, il principio di ‘addizionalità‘ garantisce che i fondi strutturali non sostituiscano la spesa pubblica, ma che rappresentino un ‘valore aggiunto‘. L’impegno contenuto nell’accordo di partenariato siglato dall’Italia e da Bruxelles per il 2014-2016 era d’investire al Sud risorse pubbliche pari allo 0,47% del Pil del Mezzogiorno, mentre – indica la lettera della Commissione – i dati parlano dello 0,40%. Pur sembrando minima, la differenza di 0,07 punti percentuali equivale a circa il 20% in meno di risorse pubbliche spese sul territorio. E la tendenza per gli anni successivi non fa ben sperare. Se si guarda al 2014-2017, il tasso d’investimenti scende allo 0,38%. L’impegno italiano è invece quello di garantire un livello di spesa pubblica al Sud pari allo 0,43% del Mezzogiorno per il 2014-2020.

La Commissione chiede quindi al governo quali misure intende intraprendere per invertire la tendenza e garantire un adeguato livello d’investimenti al Sud. Nel caso in cui non fossero rispettati gli impegni presi con Bruxelles, la Commissione potrebbe anche attuare una “rettifica finanziaria”, che significa un taglio dei fondi strutturali.

“Non conosco nessun altro Paese che ha una situazione così debole” per quanto riguarda gli investimenti pubblici, ha detto Lemaitre aprendo i lavori della Settimana europea delle città e delle regioni. “Gli sforzi europei fatti attraverso il bilancio comunitario sono stati neutralizzati dai tagli agli investimenti pubblici nel Mezzogiorno”, ha continuato il direttore generale, “questo è legato anche alla capacità amministrativa, ma siamo certi che con un’attenzione adeguata dedicata a questo campo potrebbero esserci molti investimenti pubblici in più al Sud. E allora, forse, cominceremmo a fare la differenza”.

GIÀ NEL 2015 L’ESPOSTO DI ARMAO

Già quattro anni fa, nel 2015, l’attuale assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, aveva lanciato un esposto-denuncia nel quale metteva nero su bianco gli “Inadempimenti da parte dello Stato italiano del diritto europeo in materia di coesione economico-sociale e territoriale – legge 23 dicembre 2014, n. 190 – violazione dei principi delle politiche di coesione economico-sociale e territoriale”.

ArmaoArmao nella qualità di Presidente dell’Associazione “Sicilia-Nazione“, lo indirizzava al presidente della commissione dell’unione europea e al commissario europeo alla politica regionale.

«Non vi è traccia alcuna – si legge nell’esposto di Armao – di destinazione territoriale delle risorse di tal guisa riprogrammate, ma esse sono state in buona sostanza acquisite al bilancio dello Stato per l’adozione di misure nazionali (…) Non può quindi revocarsi in dubbio che la sottrazione delle risorse operata dal legislatore italiano con la legge di stabilità per il 2015 (l. n. 190/204) e per di più senza che risulti alcuna formale (e necessaria) condivisione da parte della Commissione UE determina un gravissimo pregiudizio alle aree del Mezzogiorno d’Italia ricomprese nell’obiettivo Convergenza ed in particolare alla Sicilia che, a causa di tale inopinata decisione, perderebbe circa un miliardo e 200 milioni di euro di fondi a destinazione perequativa, è più puntualmente viola le regole europee sul l’impiego delle risorse per la coesione».

 

LEGGI ANCHE:

Sicilia tagliata fuori dai finanziamenti: “A che serve allora il ministro per il Sud?”

Cancelleri al contrattacco: “Falso che non siano in programma investimenti per il Sud”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.