Un corso di educazione per cani, il ricavato finanzierà la Pasqua dei bimbi dei detenuti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'appuntamento è per sabato 3 febbraio nel parco attrezzato di viale del Fante

Un corso di educazione per cani, il ricavato finanzierà la Pasqua dei bimbi dei detenuti

1 Febbraio 2018

L’allevamento Labrador Retrievers Colbay di Casa Collovà, in collaborazione con l’Associazione Antigone Sicilia e il carcere Ucciardone di Palermo, presentano un corso di educazione di base per cani e conduttori, i cui proventi saranno devoluti per l’organizzazione del pranzo di Pasqua dei bimbi dei detenuti

L’evento, che sarà presentato sabato 3 febbraio alle ore 16 nel parco attrezzato di viale del Fante (Ex Case Rocca) adiacente lo stadio delle Palme, è stato promosso dall’educatore cinofilo, Fabrizio Collovà: “questa iniziativa ha un doppio scopo, intanto, quello di aiutare chi sta peggio di noi e poi quello di divulgare una corretta cultura cinofila, perché è importante educare il cane sia per farlo integrare bene nella nostra società, sia per una questione di rispetto nei confronti di chi non ha un cane”.

Ma il bello di questa iniziativa è proprio quello di abbinare il cane alla beneficenza rivolta ai bambini. In questo caso parliamo dei figli di detenuti, che già vivono in un contesto difficile da accettare: “Per mia natura penso molto all’abbinamento bambini e cani – afferma il promotore dell’iniziativa– infatti, parallelamente a questo corso sto facendo degli incontri con genitori e figli per fare comprendere agli adulti l’importanza del loro ruolo nell’essere da filtro nel rapporto bambini e animali”.

Questa diviene, quindi, l’occasione per organizzare una giornata diversa per queste famiglie che vivono un disagio sociale importante, un momento di condivisione che normalmente il carcere Ucciardone per Pasqua prevede. Questa volta però sarà un pranzo con una variante allegra, proprio perché il cane porta sempre allegria e come i bambini non ha sovrastrutture e preconcetti; infatti, in rappresentanza di questa iniziativa ci sarà anche lo stesso Fabrizio Collovà con il suo amico a quattro zampe.

A sposare l’iniziativa, anche l’Associazione Antigone Sicilia, presieduta da Pino Apprendi, che promuove momenti come questo che si terrà sabato per sensibilizzare le istituzioni e la società su temi che riguardano la popolazione carceraria: “Sono stato molto felice di abbracciare questa iniziativa di beneficenza sia in qualità di amatore di animali che in qualità di presidente di Antigone Sicilia realtà che si dedica alla dignità delle persone che vivono in regime di detenzione e non solo. In questo modo – continua Apprendi – regaleremo per Pasqua una giornata gioiosa ai bambini che con gli animali instaurano normalmente un rapporto di complicità. Diverrà anche un momento di formazione per loro imparare ad approcciarsi in modo corretto con i cani.
Iniziative come questa – conclude Apprendi – sono importanti per riuscire ad aprire le porte del carcere per fare incontrare i detenuti con i loro figli e le loro famiglie e il fatto che ci siano anche i cani presenti non può che avere un’influenza positiva”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.