Un corso di educazione per cani, il ricavato finanzierà la Pasqua dei bimbi dei detenuti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'appuntamento è per sabato 3 febbraio nel parco attrezzato di viale del Fante

Un corso di educazione per cani, il ricavato finanzierà la Pasqua dei bimbi dei detenuti

di
1 Febbraio 2018

L’allevamento Labrador Retrievers Colbay di Casa Collovà, in collaborazione con l’Associazione Antigone Sicilia e il carcere Ucciardone di Palermo, presentano un corso di educazione di base per cani e conduttori, i cui proventi saranno devoluti per l’organizzazione del pranzo di Pasqua dei bimbi dei detenuti

L’evento, che sarà presentato sabato 3 febbraio alle ore 16 nel parco attrezzato di viale del Fante (Ex Case Rocca) adiacente lo stadio delle Palme, è stato promosso dall’educatore cinofilo, Fabrizio Collovà: “questa iniziativa ha un doppio scopo, intanto, quello di aiutare chi sta peggio di noi e poi quello di divulgare una corretta cultura cinofila, perché è importante educare il cane sia per farlo integrare bene nella nostra società, sia per una questione di rispetto nei confronti di chi non ha un cane”.

Ma il bello di questa iniziativa è proprio quello di abbinare il cane alla beneficenza rivolta ai bambini. In questo caso parliamo dei figli di detenuti, che già vivono in un contesto difficile da accettare: “Per mia natura penso molto all’abbinamento bambini e cani – afferma il promotore dell’iniziativa– infatti, parallelamente a questo corso sto facendo degli incontri con genitori e figli per fare comprendere agli adulti l’importanza del loro ruolo nell’essere da filtro nel rapporto bambini e animali”.

Questa diviene, quindi, l’occasione per organizzare una giornata diversa per queste famiglie che vivono un disagio sociale importante, un momento di condivisione che normalmente il carcere Ucciardone per Pasqua prevede. Questa volta però sarà un pranzo con una variante allegra, proprio perché il cane porta sempre allegria e come i bambini non ha sovrastrutture e preconcetti; infatti, in rappresentanza di questa iniziativa ci sarà anche lo stesso Fabrizio Collovà con il suo amico a quattro zampe.

A sposare l’iniziativa, anche l’Associazione Antigone Sicilia, presieduta da Pino Apprendi, che promuove momenti come questo che si terrà sabato per sensibilizzare le istituzioni e la società su temi che riguardano la popolazione carceraria: “Sono stato molto felice di abbracciare questa iniziativa di beneficenza sia in qualità di amatore di animali che in qualità di presidente di Antigone Sicilia realtà che si dedica alla dignità delle persone che vivono in regime di detenzione e non solo. In questo modo – continua Apprendi – regaleremo per Pasqua una giornata gioiosa ai bambini che con gli animali instaurano normalmente un rapporto di complicità. Diverrà anche un momento di formazione per loro imparare ad approcciarsi in modo corretto con i cani.
Iniziative come questa – conclude Apprendi – sono importanti per riuscire ad aprire le porte del carcere per fare incontrare i detenuti con i loro figli e le loro famiglie e il fatto che ci siano anche i cani presenti non può che avere un’influenza positiva”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.