Un dispositivo da 5 dollari può hackerare il vostro computer | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'hacker può utilizzare in remoto gli account web della vittima senza che quest'ultima se ne accorga

Un dispositivo da 5 dollari può hackerare il vostro computer

di
24 Novembre 2016

Poison Tap, ecco il nome dello strumento che può penetrare all’interno di un computer, anche se protetto da password, a patto che l’utente abbia lasciato un browser Internet in esecuzione in background.
L’attaccante può quindi utilizzare in remoto gli account web della vittima senza che quest’ultima se ne accorga.

hackerSamy Kamkar, che ha realizzato un video su YouTube che mostra cosa succede quando si hackera un computer, ha creato tale dispositivo tramite l’utilizzo del microcomputer Raspberry Pi ed ha dimostrato il suo funzionamento su un computer Macintosh, indicando comunque la sua efficacia anche su altre piattaforme.

Poison Tap si collega alla porta USB del computer di destinazione e, una volta lì, simula le funzionalità di un browser, dirottando il traffico, un utilizzo semplice che non richiede abilità particolari.
Una volta connesso fisicamente potrà essere utilizzato a distanza ed il suo lavoro consiste nel rubare i cookie della vittima, piccoli file sul computer dell’utente che memorizzano informazioni circa l’uso di Internet, permettendo quindi all’hacker di mascherare la propria identità e navigare nei siti utilizzati dall’ignaro utente senza bisogno di inserire password o dati di accesso.

Rik Ferguson, della società di sicurezza Trend Micro, ha riferito che il dispositivo è una minaccia plausibile.
“[In circostanze normali] Anche quando non si utilizza un browser, esso sta ancora effettuando richieste e comunicazioni – a causa di aggiornamenti o pubblicità.
Una volta che il dispositivo viene collegato sfrutta tale comunicazione e ruba i cookie di sessione.” I server sarebbero in grado di prevenire un attacco simile utilizzando il protocollo HTTPS, crittografando la connessione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin