Un dolce Natale con i biscotti alla manna [La ricetta] :ilSicilia.it

Bontà bibliche

Un dolce Natale con i biscotti alla manna [La ricetta]

di
15 Dicembre 2018

Ci stiamo avvicinando al Natale e per augurarvelo dolcissimo vi diamo la ricetta dei Biscotti alla Manna, che potremmo definire bontà dal sapore biblico. La manna è uno straordinario dolcificante naturale che può essere utilizzato in cucina per preparare piatti squisiti da acquolina in bocca. Una domanda sorge spontanea: “Qual è il periodo in cui le cucine sono in fermento, attive e più estrose che mai?” Proprio il Natale che, oltre la sua magica atmosfera fatta di luci, di regali, di feste, è fatto anche di tante dolci leccornie da preparare divertendosi in cucina e da gustare in famiglia o con gli amici. Volete una ricetta sfiziosa, facile-facile e sicuramente insolita per allietare le vostre tavole? Ecco a voi: “I Biscotti Caserecci alla Manna delle Madonie“. Questo straordinario dolcificante naturale, il cibo provvidenziale con cui Dio sfamò gli ebrei nel deserto, è prodotto ancora oggi, con regole antichissime, solo in ristrette superfici del comprensorio del Parco delle Madonie, incontaminato polmone verde a circa 90 chilometri da Palermo. Un vero e proprio unicum a livello mondiale. Andiamo nel particolare.

Consorzio Manna Madonie

LA MANNA: DONO DEL CIELO, FRUTTO DELLA TERRA
Nel cuore del parco delle Madonie (PA), i territori di Pollina e Castelbuono sono il luogo ideale per la coltivazione dei frassini da manna perché caratterizzati da elevate temperature, scarse escursioni termiche e bassa umidità dell’aria durante tutto il periodo di produzione (da fine giugno a metà settembre). Verso la seconda o terza decade di luglio, i frassinicoltori, detti anche “mannaroli“, verificano lo stato di maturazione delle piante facendo piccole incisioni sulla corteccia del frassino con una particolare roncola molto affilata e appuntita, detta “mannalouru“. Da questi solchi sgorga un liquido ceruleo e amaro che, a contatto con l’aria, si rapprende rapidamente formando uno strato cristallino biancastro: la Manna. Per raccoglierla i mannaroli inseriscono sotto l’incisione una piccola lamina d’acciaio a cui viene legato un filo di nailon lungo il quale, nei giorni successivi, la manna gocciola formando piccole stalattiti, i cosiddetti “cannoli” che, privi di impurità, sono molto pregiati sul mercato. La parte di linfa che si rapprende sul tronco viene raschiata e costituisce la ‘manna in rottame’, la qualità meno pregiata.

CURIOSITA’
Il nome deriva dall’aramaico ebraico ‘MÂN HU?’, ‘Cosa è?‘, ovvero la domanda, come narra la Bibbia, che gli ebrei stremati rivolsero a Mosè che li stava guidando nel deserto nel veder cadere dal cielo un cibo a loro sconosciuto, miracolosamente mandato da Dio.

CARATTERISTICHE DELLA MANNA
La manna è un dolcificante naturale. È costituita prevalentemente da mannite, acidi organici, acqua, glucosio, fruttosio, mucillagini, resine e composti azotati, ha numerose qualità benefiche e gustative. Può essere utilizzata per la preparazione di dolci, torte e biscotti e, grazie al suo potere dolcificante naturale, permette di ridurre o sostituire del tutto gli altri zuccheri aggiunti, come viene sempre più spesso raccomandato dalle direttive alimentari. La mannite (o D-Mannitolo), il suo componente principale, è un alcool incolore, inodore e di sapore zuccherino che, noto con il nome di “Zucchero di Manna”, può essere tollerato anche da soggetti diabetici. La possiamo trovare utilizzata, anche in campo farmaceutico, ad esempio è un’ottima sostanza detossinante e cosmetico, per il suo potere emolliente, rinfrescante e cicatrizzante.

IL CONSORZIO MANNA MADONITA
Nato nel dicembre del 2015, è una società cooperativa consortile sociale che accorpa quattro cooperative di produttori di manna (LA 50, OASI, NUOVA ALBA e IL GIRASOLE) con l’obiettivo di rilanciare la produzione di questa antica risorsa del contesto agrario della zona. In Sicilia la manna viene prodotta fin dalla seconda metà del 1500 e per secoli ha rappresentato un’importante voce economica per il contesto agricolo. A partire dal secondo dopoguerra, però, la coltivazione di frassini da manna ha subito un rapido declino, rimanendo relegata principalmente nelle superfici di Castelbuono e Pollina, due comuni del comprensorio madonita. Gli sforzi del Consorzio Manna Madonita sono tutti mirati a ridare vitalità alla produzione e a mantenere viva la coltura, ma anche la cultura, di questa antica risorsa. La Manna naturale in cannolo prodotto dal Consorzio Manna Madonita è Presidio Slowfood.

BISCOTTI CASERECCI ALLA MANNA DELLE MADONIE

Tempo di preparazione: 60 minuti

Livello di difficoltà: facile

INGREDIENTI:

  • 20 grammi  Manna naturale in cannolo – Presidio SlowFood
  • 250 grammi Farina tipo 00
  • 3 cucchiai di Olio extravergine d’oliva
  • Lievito madre
  • 2 Uova intere
  • 250 ml Latte intero

PREPARAZIONE
1. In una ciotola capiente versare le farine, il lievito madre, le uova e l’olio evo. Aggiungere gradualmente il latte in cui sono stati sciolti i cannoli di manna.

2. Amalgamare il tutto fino ad avere un blocco unico da trasferire su di una spianatoia, lavorare energicamente fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.

3. Stendere l’impasto con un mattarello sulla spianatoia infarinata e formate una sfoglia dello spessore di 3-4 mm. Ricavare dei biscotti con gli stampini della forma desiderata. Disporre i biscotti su una teglia foderata con carta forno.

4. Si possono spennellare con del bianco d’uovo e decorare con zuccherini colorati, frutta secca o cioccolato. Cuocere in forno a 220°C per 20/25 minuti o finché non saranno dorati e ben cotti.

E, come augurio, che la Manna ricada su di voi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.