Un fine settimana d'incanto tra Petralia Soprana, Petralia Sottana e Gangi :ilSicilia.it
Palermo

Dal 18 al 19 maggio

Un fine settimana d’incanto tra Petralia Soprana, Petralia Sottana e Gangi

di
17 Maggio 2019

Vogliamo iniziare questo nostro racconto che “canta” le Madonie in modo differente rispetto agli altri, con dei versi dedicati a Petralia Soprana, “Borgo dei Borghi 2018“.

C’era una volta un luogo incantato e nel cuore delle Madonie incastonato che “Borgo dei Borghi 2018” fu incoronato nel novembre appena passato. Tutto il mondo ammaliato volle conoscere quell’abitato che profumava di un antico così soavemente cristallizzato. Petralia Soprana, che ha la magia di un regno fatato, è in realtà un paese virtuoso e a un glorioso presente ancorato che ai visitatori regala giornate in armonia con il creato“.

musei-fanno-rete Petralia Soprana, Petralia Sottana, Gangi

Questa vena poetica (de’ noantri), per cui chiediamo venia, è legata al bel fine settimana madonita, di sabato 18 e domenica 19 maggio, che vede al centro i musei di Petralia Soprana, Petralia Sottana e Gangi con “Musei come Hub culturali e sociali. Programmi e prospetive nella Alte Madonie”. Questo il tema degli incontri che si apriranno sabato mattina, 18 maggio, a Petralia Soprana, all’interno del nascente Museo Civico Etnoantropologico e del Sale “Gaetano Messineo” in cui verrà presentato il progetto “Petralia Soprana adotta lo scavo: presentazione del museo e degli scavi di Santa Marina”, con interventi del sindaco Pietro Macaluso, Rosa Maria Cucco del Dipartimento della Soprintendenza BB.CC. di Palermo, Ernesto Messineo, Aurelio Burgio e Michelangelo Capitano. Quest’ultimo presenterà il lavoro svolto con l’I.P.M. (Istituto Penale per Minorenni) di Palermo “Malaspina”.

Sabato pomeriggio, invece, ci si sposta a Petralia Sottana, chiamata dagli arabi “Batarliah” o “Batraliah” che lo storico che al-Idrisi racconta come “una città murata collocata sotto una rocca, con grande abbondanza di risorse idriche e che ospitava un mercato, un castello, una chiesa e una moschea“. Ed è in questo altro luogo di incantamento che, nel Centro Socio Culturale Assunta Rinaldi, si parlerà di “Azione e la comunicazione museale: prospettive di sviluppo sostenibile nel territorio”. Sarà un pomeriggio di studi che affronterà varie tematiche legate ai musei; dopo il saluto del sindaco Leonardo Neglia, Alessandro Torre del Museo Civico Collisani di Petralia Sottana modererà il convegno a cui parteciperanno: l’assessore al turismo Carmelo Licata, Rosa Maria Cucco del Dipartimento della Soprintendenza BB.CC. di Palermo, che parlerà de “I Musei Civici madoniti: luoghi di incontro tra istituzioni e strumento di promozione socio-culturale”; Alessandro Ficile di So.Svi.Ma., che parlerà di “Madonie Resilienti: laboratorio di futuro”; Barbara Farinella de: “I tre livelli della comunicazione museale del Museo “A Naselli” di Gangi” e Manuela Ferrara del CER/CEF, che affronterà la tematica disabilità attraverso il tema “Il laboratorio di archeologia sperimentale e la disabilità”; Michelangelo Capitano e Dario Scarpati illustreranno, invece, il lavoro fatto con i giovani del Malaspina attraverso il progetto “Ti racconto il museo di Petralia Soprana, i giovani incontrano l’archeologia”. Infine Lucia Ferruzza di ICOM Italia parlerà delle nuove frontiere dei musei. Alla fine del convegno è prevista la visita al Museo Civico Collisani.

Domenica mattina, 19 maggio, infine, l’evento si concluderà a Gangi, “Borgo dei Borghi 2014”, identificata con la città di Engyon, fondata dai cretesi venuti in Sicilia a seguito di Minosse alla ricerca di Dedalo, presso i locali del Museo Civico “S.Naselli” che vedrà al centro la tematica “Esperienza di archeologia sperimentale, tattili e sensoriali”. Tra gli interventi previsti, dopo il saluto del sindaco Francesco Migliazzo, quello di Rosa Maria Cucco del Dipartimento della Soprintendenza BB.CC. di Palermo e di Manuela Ferrara del CER/CEF.

 

Volete un fine settimana da ricordare in cui sentirvi parte di un progetto e di una comunità? In cui essere ispirati e circondati dal bello? Petralia Soprana, Petralia Sottana e Gangi vi aspettano.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.