15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Palermo

Sequestrate anche munizioni

Un laboratorio per fabbricare armi e un arsenale nella villa a Ciaculli di un ex Pip

12 Ottobre 2018

La Polizia ha scoperto un arsenale di armi sotterrato nel terreno di una villa nel rione Ciaculli di Palermo e ha arrestato tre persone, componenti dello stesso nucleo familiare.

Sono il padre, lavoratore ex Pip, la moglie, entrambi di 49 anni, e il figlio di 26 anni. Nell’abitazione sono stati trovati alcuni locali adibiti a laboratorio per la produzione e la modifica di pistole e fucili.

Le indagini, coordinate dalla Procura, sono stati condotte da agenti del commissariato Zisa che avevano notato la presenza nella villa di un uomo che aveva precedenti per armi e droga.

Nel corso della perquisizione sono stati trovati anche numerosi proiettili e un poligono rudimentale per testare pistole e fucili, alcuni dotati di silenziatore.

 

AGGIORNAMENTOCortese, armi per mandamenti mafiosi

“Nel momento in cui parliamo di una mafia militare in difficoltà, ovviamente tutte le attività poste ad analizzare le eventuale ripresa di contatti tra mandamenti diversi, rappresentano un successo. Quello di oggi ha infatti portato alla scoperta di un laboratorio di armi con l’obiettivo di prevenire e frenare sul nascere ogni tentativo di ripresa anche armato dell’organizzazione”. Lo ha detto il questore di Palermo Renato Cortese commentando il ritrovamento dell’arsenale di armi nella villa di Ciaculli.

“Questo non significa – ha aggiunto il questore – che tutte le armi le abbiamo tolte dal territorio. Scovare un arsenale del genere e soprattutto un laboratorio in grado di modificare le armi e renderle da innocue a micidiali dà grande soddisfazione perché significa che i nostri ragazzi hanno un controllo del territorio capillare – ha sottolineato Cortese – e l’ipotesi su cui stiamo proseguendo le indagini è che queste armi potessero essere utilizzate dai mandamenti. Un armamentario del genere, un laboratorio di questa portata non è certo roba da piccoli spacciatori o rapinatori, ma è a supporto di famiglie mafiose del territorio che hanno necessità di appropriarsi delle armi.

Certo si può farle arrivare da fuori, ma se si è in crisi economica ci si puoi adattare a trasformarle. Antonino Adelfio, uno dei tre arrestati – ha concluso il questore di Palermo – non è un soggetto di primissimo spessore, ma sicuramente un abile artigiano su cui bisogna indagare per approfondire meglio i legami con l’organizzazione e chi gli ha dato questo incarico”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.