Un like per un libro”, nel cuore di Palermo la biblio-bancarella di Pietro Tramonte :ilSicilia.it
Palermo

L'open libray a due passi da via Roma

“Un like per un libro”, nel cuore di Palermo la biblio-bancarella di Pietro Tramonte

di
27 Marzo 2019
Pietro Tramonte

Dentro al cuore di Palermo esiste un posto magico in cui il tempo si ferma e si sfoglia. Una Ztl sui generis: Zona Traffico Libraio.zona traffico libraio

Questo è il cartello che indica la strada giusta per arrivare nella biblioteca privata itinerante di Pietro Tramonte. Un’open library nata sotto il segno dell’Amore il 14 febbraio 2013, in un piccolo magazzino situato a Piazza Monte S. Rosalia, 18/19.

“Itinerante” perché Pietro è ben contento di portare alcuni dei suoi libri in giro per le scuole e per i paesi.

“Facevo il ragioniere, ma mi definisco un raccoglitore seriale di libri. Quando sono andato in pensione ho deciso, anzi ho sentito, di dover fare qualcosa di buono, di socialmente utile. Per 200 € ho preso in affitto questo piccolo spazio e ho portato qui, per la felicità di mia moglie – ride – i miei 4000 libri, mettendoli a disposizione dei palermitani.”

Grazie alle donazioni e al baratto, dopo sei anni, i libri hanno letteralmente invaso la piazzetta dando vita ad una vera e propria libreria a cielo aperto. 

Più di 70.000 volumi sistemati su scaffali di fortuna, suddivisi in categorie, dalla poesia italiana all’esoterismo, a loro volta ordinate in modo approssimativo alfabeticamente.

Manca, però, una vera e propria catalogazione trattandosi di una biblio-bancarella, ma non di una qualsiasi: qui i libri non si vendono, non si comprano, ma si scambiano. Non hanno un prezzo, ma hanno “il valor e che tu riesci a dargli.”

Pietro Tramonte
Pietro Tramonte

È impossibile non chiedersi quale sia, tra quelle mensole, l’opera più preziosa e lui, con lo stesso amore che un padre nutre indistintamente per i suoi figli, dice: “Sono tutti preziosi i miei libri, perché preziosa è ogni opera che arricchisce lo spirito. Prezioso può, anche, essere un elenco telefonico degli anni ’60” e racconta di quella volta in cui un uomo si è commosso ritrovando tra le pagine il nome della vecchia attività commerciale del nonno.

Nella sua biblioteca, dunque, non si barattano solo libri, ma si condividono ricordi, si vivono emozioni, si arricchisce l’anima.

Proprio per questo non c’è alcun scopo di lucro perché “Guadagnare con la cultura è un atto di prostituzione” e sottolinea di non aver mai desiderato contributi pubblici e che mai li accetterà: “Mi sento più sereno a donare agli altri che a ricevere.”

A chi gli chiede perché fa tutto questo risponde: “È una mia passione e come tutte le passioni non può essere giustificata e giudicata. Io, come Paperon dei paperoni che ama nuotare nelle monete, desidero nuotare nei libri”. Un desiderio che può dirsi realizzato il suo, grazie anche all’aiuto degli abitanti del quartiere, degli amici e di molti studenti, che gli danno una mano a tenere in ordine questo piccolo tesoro che non ha lucchetti e casseforti.

Qui, infatti, è tutto open ma in sei anni non si è mai verificato nessun tentativo di furto, perché “Chi ruba non legge e chi legge non ruba”.

Un’iniziativa, quella di Tramonte, che si è meritata un posto nella top ten delle biblioteche itineranti più importanti del mondo e vanta anche un notevole apprezzamento su Facebook.

La pagina ufficiale “Biblioteca privata itinerante Pietro Tramonte” conta più di 14.000 seguaci anche perché “Se lasci un like, ti regalo un libro!” Con questa frase, Pietro, accoglie chi per la prima volta approda nella sua strana libreria.

L’idea è quella di utilizzare uno strumento vicino ai giovanissimi, per riavvicinare gli stessi alla lettura, quella fatta di inchiostro, copertine e segnalibri, di frasi sottolineate e di rilegature sgualcite.

Rispolverare la bellezza di storie che nei suoi scaffali restano vive e che oggi sono, invece, rinchiuse negli “e-books” che hanno, sì, il pregio di arrivare a più persone possibili, ma sono come gli amori a distanza perché “Toccare con mano, sentire l’odore della pagine, sono cose che aggiungono valore ed emozione, che rendono un’amore pieno e completo”.

Un’ amore che, Pietro, cercherà di contagiare partecipando alla manifestazione italiana “Maggio dei Libri”, con un’iniziativa chiamata “Scuola per librai”. Si tratta di corsi gratuiti, che si terranno nel mese di Maggio a piazza Monte S.Rosalia, ogni sabato pomeriggio, dalle 16:00 alla 17.00.

Spulciando nel suo guest book, un ragazzo di 16 anni scrive: “Odio i libri, ma in questo posto mi è venuta voglia di leggere.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.