22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.01

Irresistibili ricette per il pranzo di Natale

Un menù natalizio di sicuro effetto [La preparazione e le ricette]

24 Dicembre 2018

In questi giorni la vostra Patti Holmes, un po’ Patti Chef, pur sapendo di avere lettori pieni di idee e con grandi potenzialità culinarie, ha deciso di darvi piccoli suggerimenti sul menù natalizio, limitandosi ad un antipasto, un primo e un secondo.

In realtà le ricette che riporta sono quelle che amerebbe gustare, anzi divorare, a Natale. Essendo una buongustaia avrebbe una lista infinita, anche perché la tradizione siciliana è ricchissima, ma bisogna pur fare una cernita e, quindi, ha scelto i piatti che al solo pensiero la trasportano in un paradiso culinario fatto di aromi, ricordi e tavole con gli affetti più cari, alcuni dei quali mancano da qualche anno.

Allontanando la malinconia, partiamo con l’elenco delle bontà che potranno allietare i vostri palati e rendere la vostra tavola natalizia di sicuro effetto.

ANTIPASTO

“Cavolfiori in pastella”

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 cavolfiore
  • succo di limone
  • sale
  • olio per friggere

Per la pastella:

  • 500 g di farina 00
  • 15 g di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 10 g di sale
  • 325 ml di acqua

Procedimento:

1. Per la pastella, mettete in una ciotola il lievito, lo zucchero sciolti in poca acqua tiepida. Unite la farina setacciata e l’acqua rimanente. Lavorate l’impasto con una forchetta energicamente.

2. Dopo qualche minuto, aggiungete il sale e continuate a lavorare l’impasto fino ad ottenere un composto liscio, omogeneo e morbido.

3. Mettete a lievitare (il volume deve raddoppiare).

4. Nel frattempo lavate il cavolfiore, prendete soltanto le cimette e fatele sbollentare in acqua salata. Toglietele dal fuoco non appena saranno al dente, scolatele bene e mettetele da parte.

5. Non appena la pastella sarà ben lievitata, in una padella riscaldate olio abbondante e, quando avrà raggiunto la giusta temperatura, friggete le cimette di cavolfiore dopo averle passate nella pastella una per volta. Fatele dorare, sgocciolare su carta assorbente e servite.

PRIMO PIATTO

“Pasta con le sarde”

Ingredienti per 6 persone:

  • 800 g di pasta
  • 800 g di sarde fresche
  • 4 sarde salate
  • 2 cipolle
  • 50 g di uvetta ammollata
  • 1 Kg di finocchietto selvatico
  • 2 bustine di zafferano
  • 30 g di pinoli
  • 2 cucchiai di salsa
  • 100 g di pangrattato tostato
  • olio extravergine d’oliva
  • sale

Procedimento:

1. Pulite il finocchietto, bollitelo, scolatelo e spezzettatelo (tenete da parte l’acqua di cottura).

2. In una padella a bordi alti soffriggete le cipolle con l’olio, le sarde salate, l’uvetta, i pinoli e cuocete a fuoco lento. Aggiungete due cucchiai di salsa, il finocchietto e le sarde diliscate e spinate.

3. Mescolate con un cucchiaio per sminuzzare le sarde, a cottura ultimata unite una bustina di zafferano sciolto in acqua tiepida e aggiustate di sale.

4. Lessate la pasta al dente nell’acqua di cottura del finocchietto, in cui avrete sciolto l’altra bustina di zafferano. Dopo averla scolata, unitela al condimento, spolverando con il pangrattato e servite.

SECONDO PIATTO

“Stinco di maiale al forno con patate”

Ingredienti per 6 persone:

  • 6 stinchi di maiale
  • 3 bicchieri di vino bianco secco
  • 4 spicchi d’aglio
  • 2 cipolle
  • 1 costa di sedano
  • 1 rametto di rosmarino
  • foglie di salvia
  • 600 g di patate
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

Procedimento:

1. Disponete in una casseruola gli stinchi con il vino e cospargeteli con il sale, il pepe, il rosmarino, la salvia, l’aglio, il sedano e un filo d’olio. Coprite la casseruola e lasciate riposare per una notte in frigo.

2. L’indomani fate scottare gli stinchi in una padella con poco olio, avendo cura di non bucarli con la forchetta. Fate scaldare il forno a 200°.

3. Disponete gli stinchi in una teglia capiente e ricopriteli con la marinatura e poi con della carta stagnola. Fate cuocere per circa un’ora.

4. Togliete la carta stagnola, aggiungete le patate a tocchetti e completate la cottura per un’altra mezz’ora. Il vostro stinco con le patate è pronto per il vostro pranzo di Natale.

DOLCI

Cassata, cannoli, buccellati.

Buon Natale a tutti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.