Un Paese o due? Al via a Palermo le 'Giornate dell'economia del Mezzogiorno' | video interviste :ilSicilia.it
Palermo

L'iniziativa presentata a Palazzo delle Aquile

Un Paese o due? Al via a Palermo le ‘Giornate dell’economia del Mezzogiorno’ | video interviste

di
25 Novembre 2019

Guarda le video interviste in alto

Dalla mobilità regionale e delle aree metropolitane ai porti e aeroporti, dal sistema finanziario alle opportunità offerte dai nuovi trend strutturali del Sud. E ancora l’agricoltura, il sostegno alla ricerca e all’innovazione, l’energia rinnovabile, ma anche il ruolo della scuola, dell’università e dei centri di ricerca, delle banche nel rilancio del Mezzogiorno. Sono i temi che saranno al centro de ‘Le Giornate dell’economia del Mezzogiorno‘, in programma a partire da domani 26 novembre e sino a sabato prossimo, quando calerà il sipario sull’iniziativa giunta alla sua dodicesima edizione, con il tradizionale Osservatorio congiunturale.

Le Giornate dell’Economia, dal titolo “1860-2030 Un Paese o Due“, è stata presentata, in mattinata, nella Sala Giunta del Comune di Palermo, a Palazzo delle Aquile, alla presenza degli organizzatori e dei partner. “Il Sud non può essere considerato, come è stato rappresentato per tanti anni, né sprecone né predatore di risorse che non sono sue – ha detto Pietro Busetta, presidente comitato scientifico e Isesst – In passato la vulgata era sempre la stessa, da qualche tempo finalmente si sono portate avanti alcune operazioni verità che hanno ribaltato le caratteristiche del dibattito” e fatto emergere, quantificandolo, “lo scippo del Nord verso il Sud“.

La problematica dei due Paesi – ha sottolineato Busetta – è diventata centrale nel dibattito nazionale e ci si è chiesto come mai invece di parlare dei livelli essenziali di prestazione si sono date le risorse in base alla spesa storica, per cui chi aveva speso di più ha continuato a ricevere di più, portando avanti quello scippo che si dimensiona in circa 60 miliardi annui“. Ecco perché, secondo Busetta, “far partire la costruzione del Ponte sullo Stretto, progetto immediatamente canteriabile, sarebbe un piccolo modo per riparare ai tanti scippi che dall’Unita d’Italia il Sud subisce“.

Uno degli obiettivi di questa edizione – afferma Alessandro La Monica, presidente Diste Consulting – è togliere una serie di luoghi comuni che vengono da una parte del Paese che tante volte non conosce i dati – Come intervenire perché il paese non si spacchi in due, per sfatare questi miti dio un Sud sprecone che vive alle spalle del Nord”.

Gli ultimi dati aggiornati – ha detto Francesco Randazzo, presidente Gesap, società di gestione dell’Aeroporto di Palermo – parlano di una Sicilia lievemente in calo nel settore del turismo, Palermo in  controtendenza positiva. Negli aeroporti che hanno quasi sempre dei conti risicatissimi, la Gesap rappresenta un’eccezione favorevole e tutto questo fa ben sperare nel breve e medio termine“.

A concludere le Giornate dell’Economia con il consueto Osservatorio congiunturale ‘Forecasting the future: il Coccodrillo si è affogato‘ sulla situazione nazionale e internazionale. Un appuntamento a cui parteciperanno, tra gli altri Andrea Boltho del Magdalen College (Università di Oxford), e l’economista Luca Paolazzi, partner Ref Ricerche, e Adriano Giannola, presidente di Svimez.

Leggi anche:

Gaetano Falzone: un appassionato studioso e storico del Risorgimento

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin