Un pasito pa'lante Maria | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Un pasito pa’lante Maria

di
29 Aprile 2022

Carissimi

In un momento in cui sento di gente che fa passi indietro rispetto a legittime aspirazioni mi sento di esprimere la mia ammirazione, sia per chi ammette l’importanza di una adesione a progetti più grandi e sia per chi difenda il proprio progetto di vita giunto alle soglie di nuovi programmi.

Tutti meritano rispetto, a maggior ragione nell’esercizio della loro professione, ma oggi rispetto al passato bisogna fare i conti con questo potentissimo strumento che si chiama “ribalta della informazione” e dove io che parlo, prima di avere diritto di replica e conseguenze legali, posso come nei duelli con le pistole ad un colpo solo ricaricaricabili, sparare per primo e descrivere realtà inesistenti, “uccidere una persona innocente attraverso la delazione“, ribaltare la realtà.

Come si fa ad evitare che tale gente abbia diritto di ribalta, siamo pur sempre un paese democratico e siamo contro ogni censura e allora pur di non rimanere disarmati davanti questa “arma impropria di uccisione di massa” dobbiamo sempre andare alla confutazione delle fonti e alla verifica della notizia che per essere tale deve sempre rispondere alla regola delle 5W (tradotta dall’inglese) “chi, come, dove, quando e perchè“.

Senza questo, il tutto è spazzatura e le testate, i ragazzini pagati a “pezzo” con pochi euro che si spacciano per “giornalisti” fanno solo esercizio didattico e soltanto se avranno stoffa si guadagneranno l’autorevolezza per quello che scrivono, per quello che dicono e allora scopriremo che difficilmente si possa dar ascolto a chi ci giura che “l’uomo ha morso il cane” per far notizia, poichè è plausibile ma difficile che accada, così come sorrideremo senza dare alcun credito al mitico Al Sahaf ministro della propaganda di Saddam Hussein che nella piazza di Bagdad con sullo sfondo i carri armati americani continuava a dire, “tranquilli, va tutto bene stiamo vincendo“.

Si, amici miei, in questi giorni, iniziata la campagna elettorale ne sentiremo di tutti i colori e non di presenza, leggeremo di chi accusa l’altro di inefficienze magari dovute a lui stesso, prima che quest’ultimo subentrasse, tanto la gente ha memoria corta.

Vedremo crocifiggere gente ignara pur di acquisire consensi, vedremo costruire “irreali verità” pur di dire sono migliore di lui e poi tra meno di un mese li troveremo tutti compiti e costernati nel ricordare gli “eroi” dimenticando magari di esser stati nella folla di chi ne metteva in dubbio l’onestà per delegittimarne la funzione.

Si, l’uomo davanti alla “fetta di carne“, si venderebbe anche la propria madre, figuratevi la verità.

Io per il ruolo scomodo che nella mia professione svolgo, quelle poche volte che sono costretto a dire di “no” perchè non si può necessariamente dire sempre di si, quando si ha a che fare con la sicurezza delle vite umane, sono anche io sottoposto alla delazione di chi non accetta le risposte e le vorrebbe sempre cambiate a proprio vantaggio.

Ma non ci si può voltare dall’altra parte quando si ha la coscienza a posto e non si può tenere nella propria stanza una foto di Falcone e Borsellino per attestare la propria onesta intellettuale, come non è necessario di esporre una foto di Falcone e Borsellino nella propria stanza e partecipare a tutti i “per non dimenticare” da chiunque (anche indegno) spesso organizzate, per poter attestare al mondo di essere una persona per bene.

Allora più che fare un passo indietro, spesso responsabile, mi auguro che la nostra società possa fare un “passo avanti” anche un piccolo “pasito“.

Sarà una “campagna elettorale” dai toni duri e senza un “personaggio carismatico” che “uccide alla nascita” la competizione, come è stato nelle ultime competizioni. Mi auguro solo che con l’approssimarsi della scadenza elettorale non si scada in dialettiche orali e scritte dai contenuti offensivi e volgari, ma l’ultima parola la direte sempre voi nelle vostre scelte, fin dal momento in cui darete fiducia alle fonti.

Leggete quindi “roba” buona, scritta da gente brava, onesta e perbene, anche quando non ne condividiate le idee, il contraddittorio e d’obbligo, poi costruirete le notizie ancorchè le verità.

Un abbraccio, Epruno

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.