Un porto sicuro per la raccolta differenziata, Monti: "Puntiamo al 100% in tutti nostri 4 scali" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

L'iniziativa

Un porto sicuro per la raccolta differenziata, Monti: “Puntiamo al 100% in tutti nostri 4 scali” | VIDEO

di
9 Giugno 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Con l’inaugurazione alla Banchina Puntone del deposito temporaneo per il potenziamento della differenziata proveniente dalle navi, il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale, Pasqualino Monti, aggiunge un tassello importante nella riqualificazione del Porto di Palermo.

Le aree individuate, permetteranno di aumentare la percentuale di differenziata dall’attuale 40% al 100% nel giro di pochi mesi. I nuovi depositi consentiranno una gestione eco-sostenibile dei rifiuti, così come previsto dalla normativa vigente, costruendo un’economia sempre più circolare.

“La raccolta differenziata – commenta Monti – è la soluzione che consente di ridurre il volume di rifiuti da destinare in discarica e di risparmiare materie prime ed energia. Una buona pratica di cui andiamo fieri come di tutto ciò che riguarda il decoro dei nostri spazi. Dietro tutto questo c’è la fatica di una famiglia che ha fatto impresa e che ha investito sul porto dal 1960 con tanti lavoratori che operano all’interno di questa realtà. Siamo molto felici che ci siano imprese che abbiano mantenuto la loro storia e che allo stesso tempo siano stati in grado di puntare sull’innovazione“.

“Il potenziamento della raccolta differenziata, è un segnale che indica l’idea di sviluppo del porto che non può prescindere da uno sguardo attento al rispetto dell’ambiente. Riusciamo a incrociare perfettamente domanda e offerta di mercato. Questo – continua il Presidente di AdSP –  è un servizio in più a disposizione dei nostri clienti, dei nostri armatori in particolare di quelli che hanno una produzione e si aspettano dal porto un trattamento come quello che riusciamo a riservare loro”.

Oltre a raggiungere in breve tempo il 100% di differenziata, si punta a ottenere gli stessi risultati nei porti di Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle, adeguando le relative aree “garbage” con opportuni investimenti. “Abbiamo quattro scali, ogni servizio che svolgiamo all’interno di un porto lo estendiamo agli altri”, ha concluso Monti.

La Ecol Sea s.r.l. da oltre trent’anni è concessionaria della licenza per l’esercizio del servizio di raccolta di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi prodotti dalle navi all’interno del porto di Palermo. Da circa un anno l’azienda ha esteso la sua attività anche ai rifiuti solidi urbani prodotti dalle navi.

“Nonostante le numerose criticità del periodo provocate dalla pandemia – dice Giuseppe Alessandra, Responsabile Ufficio Amianto Ecol Sea s.r.l l’inaugurazione di questo deposito indica la volontà di potenziare un servizio già esistente che però, non portava ai risultati sperati. Ci stiamo impegnando nella raccolta di carta, cartone, plastica , vetro, indifferenziato e umido. Una volta raccolti, inizialmente i rifiuti vengono stoccati in un deposito temporaneo dove sono presenti cassoni dedicati per ogni tipologia. Successivamente verranno trasportati nei centri autorizzati per essere rilavorati e riutilizzati. Insomma, un passo importante nella direzione di una città sempre più sensibile ai temi della salvaguardia dell’ambiente”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin