Un Primo Maggio venato da tristezza | ilSicilia.it :ilSicilia.it

nessun festeggiamento

Un Primo Maggio venato da tristezza

di
1 Maggio 2020

È un Primo Maggio venato da tristezza perché il “morbo” ci ha privato della possibilità di festeggiare la giornata del Lavoro, ci ha impedito di recarci a Portella della Ginestra per rendere il tradizionale omaggio alle vittime della prima strage di mafia. Tutto questo accresce le preoccupazioni per il futuro e la sfiducia su possibili cambiamenti.

Elio Sanfilippo

Si dice che l’esperienza insegna che in ogni situazione vi è sempre una speranza, una via d’uscita, in Sicilia, tuttavia, si avverte maggiormente la perdita della speranza, quella che il professore Francesco Renda, uno dei più illustri storici siciliani, chiamava << l’Utopia, l’ipotesi, la prospettiva di un fattibile futuro migliore>>.

La sfiducia che rasenta la rassegnazione ha contagiato, infatti, un po’ tutti e spinge singoli individui, comunità, la politica, sindacati, associazioni di rappresentanza, a non pensare più in grande, a chiudersi nel proprio “particulare”, a vivere alla giornata.

Occuparsi del quotidiano, affrontare i problemi che quotidianamente affiggono una famiglia una categoria è utile e necessario, ma limitarsi a questo rischia di essere un impegno fine a sé stesso rischia di scadere in un cieco pragmatismo che non produce voglia di fare, spinta al cambiamento.

Il professore Renda, autore di un prezioso libretto sul Primo Maggio edito da Sellerio, ricostruisce la storia di quella ricorrenza creata a Parigi nel 1889 dal congresso della Seconda Internazionale Socialista. In quella occasione fu lanciata la proposta delle otto ore lavorative rispetto alle 12 o 16 ore vigenti nelle fabbriche. Le 24 ore di una giornata dovevano essere così suddivise: otto per lavorare, otto per riposare, otto per il tempo libero.

La proposta allora fu appunto considerata utopica, non realizzabile, anche devastante sul piano sociale dai benpensanti, dai governi e dal padronato e le manifestazioni che i lavoratori organizzarono per questo obiettivo furono duramente repressi dai governi dei vari Stati.

In una chiacchierata che una sera insieme con Antonio Riolo e Roberto Tagliavia, avemmo con il professare Renda, questi ci spiegò come era necessario tornare all’Utopia.

A tale scopo, come nel lontano 1893, ci propose anche per dare un nuovo senso al Primo Maggio, diventato solo l’occasione per una scampagnata o per spettacoli musicali come il concerto organizzato a Roma in piazza San Giovanni dai sindacati, di lanciare una nuova utopia, quella della giornata lavorativa di 4 ore.

Vi potrà sembrare assurda – disse- in tempi di crisi economica,invece ha una sua concretezza tenuto conto che lo sviluppo tecnologico e scientifico, l’automazione, ha ridotto enormemente il lavoro manuale e la fine della classe operaia. Questo era solo un esempio e, infatti, ne aggiunse altri.

Uscendo da quell’incontro riflett0 sul concetto di Utopia che Il professore ci aveva spiegato e mi ricordai di un discorso di Enrico Berlinguer in cui parlava del <<il diritto all’Utopia come spazio di libertà della politica per costruire il futuro>>.

Oggi più che mai vi è bisogno di una nuova utopia, per tornare a sognare e impegnarsi per far diventare i sogni realtà.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.