"Un puro Nulla": l'essenzialità del vuoto prende forma a Pozzallo | FOTO :ilSicilia.it
Ragusa

la mostra si inaugura martedì 11 agosto

“Un puro Nulla”: l’essenzialità del vuoto prende forma a Pozzallo | FOTO

di
10 Agosto 2020

GUARDA LA GALLERY IN ALTO

“Perché esiste qualcosa e non il nulla?”

Le avanguardie degli anni sessanta e settanta si rigenerano alla Galleria SACCA con “Un puro Nulla” a cura di Emanuela Alfano.

Tra lo scetticismo e rigetto dell’idea della rappresentazione visiva di una realtà a complessità sempre più sfuggente, a Pozzallo, si dialoga sull’essenzialità del vuoto, in quel luogo dove in realtà tutto diviene l’essenza dell’essere stesso.

Un puro Nulla

Il concept dell’esposizione non è più l’immagine figurativa a dominare e a raccontare, ma l’astrazione. La composizione e la scomposizione delle forme, la sintesi che, attraverso il colore, le campiture estese o la negazione del colore stesso portano in un’altra realtà. Un puro nulla dove tutto ha origine e dove tutto ritorna.

Un puro Nulla nasce dal bisogno di ritornare alle fondamenta, alle radici, in richiamo anche al wu wei che nella filosofia cinese taoista è il concetto del fermo nel movimento, tutto sembra fermo eppure sotterraneamente scorre e si evolve, una sincronizzazione naturale e armonica con il corso della realtà e con quella legge invariabile che governa ogni mutamento“, spiega la curatrice Emanuela Alfano.

Gli artisti

Le opere di Valentina Colella, Ettore Pinelli, Francesco Rinzivillo e Federico Severino conducono a una meditazione sulla naturale culla dell’esistenza e dell’essenza ultima della realtà, in pieno accordo con il nichilismo mistico tra transdisciplinarità e sperimentazione.

La mostra

“Un puro Nulla” si inaugura a Pozzallo (RG), martedì 11 agosto alle ore 20:30, presso la Galleria SACCAL’esposizione sarà fruibile fino al 26 settembre, consultare il sito per giorni e orari.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin