"Un puro Nulla": l'essenzialità del vuoto prende forma a Pozzallo | FOTO :ilSicilia.it
Ragusa

la mostra si inaugura martedì 11 agosto

“Un puro Nulla”: l’essenzialità del vuoto prende forma a Pozzallo | FOTO

di
10 Agosto 2020

GUARDA LA GALLERY IN ALTO

“Perché esiste qualcosa e non il nulla?”

Le avanguardie degli anni sessanta e settanta si rigenerano alla Galleria SACCA con “Un puro Nulla” a cura di Emanuela Alfano.

Tra lo scetticismo e rigetto dell’idea della rappresentazione visiva di una realtà a complessità sempre più sfuggente, a Pozzallo, si dialoga sull’essenzialità del vuoto, in quel luogo dove in realtà tutto diviene l’essenza dell’essere stesso.

Un puro Nulla

Il concept dell’esposizione non è più l’immagine figurativa a dominare e a raccontare, ma l’astrazione. La composizione e la scomposizione delle forme, la sintesi che, attraverso il colore, le campiture estese o la negazione del colore stesso portano in un’altra realtà. Un puro nulla dove tutto ha origine e dove tutto ritorna.

Un puro Nulla nasce dal bisogno di ritornare alle fondamenta, alle radici, in richiamo anche al wu wei che nella filosofia cinese taoista è il concetto del fermo nel movimento, tutto sembra fermo eppure sotterraneamente scorre e si evolve, una sincronizzazione naturale e armonica con il corso della realtà e con quella legge invariabile che governa ogni mutamento“, spiega la curatrice Emanuela Alfano.

Gli artisti

Le opere di Valentina Colella, Ettore Pinelli, Francesco Rinzivillo e Federico Severino conducono a una meditazione sulla naturale culla dell’esistenza e dell’essenza ultima della realtà, in pieno accordo con il nichilismo mistico tra transdisciplinarità e sperimentazione.

La mostra

“Un puro Nulla” si inaugura a Pozzallo (RG), martedì 11 agosto alle ore 20:30, presso la Galleria SACCAL’esposizione sarà fruibile fino al 26 settembre, consultare il sito per giorni e orari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.