Un sindaco donna per Palermo? La corsa tutta al femminile per le amministrative :ilSicilia.it
Palermo

verso le elezioni

Un sindaco donna per Palermo? La corsa tutta al femminile per le amministrative

di
15 Giugno 2021

L’unico precedente finora è quello di Elda Pucci, sindaco di Palermo tra il 1983 e il 1984, ma tra un anno potrebbe toccare di nuovo a una donna correre per la carica di primo cittadino. Tante, infatti, sono state le formazioni politiche che hanno dichiarato apertamente di pensare a una candidatura al femminile per le prossime amministrative.

La portavoce M5S Ars Roberta Schillaci
Roberta Schillaci

E a ben vedere, i nomi di possibili pretendenti per il ruolo di prima cittadina non mancherebbero. Chissà che non possa trattarsi del caso della deputata regionale pentastellata Roberta Schillaci. Sì, è vero, nel Movimento 5 Stelle Giampiero Trizzino sta già scaldando i motori per le amministrative, ma la candidatura dell’inquilina di Sala d’Ercole risponderebbe all’opportunità caldeggiata di recente a Bar Sicilia dal segretario regionale del Pd Anthony Barbagallo di candidare una donna alle amministrative nelle principali città siciliane.

Ad aspirare alla successione a Leoluca Orlando potrebbe essere per esempio Valentina Chinnici, consigliere comunale uscente, stimata dallo stesso sindaco. Chissà che, nella corsa tra i tanti contendenti nel ‘cerchio magico’ del Professore, non sia lei a spuntarla per la candidatura.

Molto apprezzata in Consiglio comunale è anche Barbara Evola, capogruppo di Sinistra Comune e già assessore con Orlando nella scorsa consiliatura. L’esperienza potrebbe essere in questo caso la carta vincente per la volata alla candidatura per la carica di sindaco.

E sempre dal consiglio comunale potrebbe arrivare la candidatura di Giulia Argiroffi, anche se in questo caso

Giulia Argiroffi
Giulia Argiroffi

parliamo di una agguerrita oppositrice all’amministrazione Orlando. Attorno al nome dell’architetto, oggi in Oso insieme a Ugo Forello e tra gli autori del progetto di riqualificazione del porto turistico della Cala, potrebbe riunirsi una fetta della società civile cittadina.

Chi ha già provato a correre per la carica di sindaco è Marianna Caronia, consigliere comunale e deputato regionale all’Ars che ha recentemente abbandonato Forza Italia. Tra i quattro firmatari della mozione di sfiducia a Orlando, Caronia ha rilanciato in una nota stampa lo slogan ‘Amo Palermo’, nome della lista con cui tentò la scalata a Palazzo delle Aquile. Un caso o qualcosa di più

Se si dovessero ascoltare le parole di Raoul Russo, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia che ha dipinto il ritratto del futuro sindaco di Palermo, ‘Donna, giovane e in discontinuità con Orlando’, il pensiero andrebbe alla parlamentare nazionale di Fdi Carolina Varchi, che da Bar Sicilia, stuzzicata sull’ipotesi, non ha negato che per chi fa politica fin da piccolo (come lei) amministrare la propria città è sempre una delle massime aspirazioni.

Un nome che gira molto dalle parti della Lega è quello dell’eurodeputata Francesca Donato, volto televisivo eletto in Sicilia e responsabile Economia e Politiche europee in Sicilia per il Carroccio. Si tratterebbe di un ‘Papa straniero’, ma chissà che attorno a lei non riesca a trovare la sintesi. E starebbe riscaldando i motori anche una vecchia conoscenza di Sala delle Lapidi come Stefania Munafò, che dopo l’addio a #DiventeràBellissima starebbe pensando alla corsa per Palazzo delle Aquile.

Patrizia Monterosso

Anche guardando fuori dai partiti le opzioni al femminile non mancano. Una candidatura di prestigio potrebbe essere quella di Patrizia Monterosso, direttore della Fondazione Federico II, che ha fatto un eccellente lavoro di rilancio delle attività della Fondazione, ridando lustro al Palazzo Reale nonostante l’emergenza pandemica e lavorando alla restituzione di intere aree dell’edificio alla fruizione di cittadini e turisti.

C’è poi Agnese Ciulla, da qualche tempo lontana dalla politica ma con all’attivo un’esperienza da assessore comunale alle attività sociali durante la quale si è fatta molto apprezzare per l’impegno nella gestione dei flussi migratori.

Dall’area del sociale proviene anche Mariangela di Gangi, coordinatrice del Laboratorio Zen Insieme impegnata nel rilancio delle periferie.

Dal mondo dell’impresa e dell’associazionismo datoriale potrebbe arrivare la candidatura di Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo che ha sostenuto le battaglie delle aziende nel periodo della crisi pandemica,

Patrizia Di Dio (Foto Fb Confcommercio Palermo)
Patrizia Di Dio

riscuotendo consensi anche fuori da questo contesto.

Insomma, tutte donne con le carte in regola per governare la città, chissà che non sia la volta buona. Ad ascoltare le dichiarazioni dei dirigenti di partito sembra anche che ci sia la volontà politica di portare avanti una candidatura al femminile (sperando che non si tratti solo di annunci di circostanza buoni solo per la fase pre elettorale). Dopo tanto tempo e un’unica esperienza registrata nella storia sarebbe anche ora per Palermo di avere un sindaco donna.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin