19 luglio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 15.33

Il centrodestra avanti con il 38,4%

Un sondaggio Ixé rivela: Salvini è il leader che riscuote più fiducia. Boom della Lega, crollo Forza Italia

16 aprile 2018

Gli Italiani danno fiducia alla Lega di Matteo Salvini, che in poco più di un mese dal voto delle Politiche cresce in modo rilevante. Crescita moderata per i 5 Stelle e calo per Forza Italia (al suo minimo storico) e per il Pd. Lo rivela un sondaggio dell’istituto Ixé, pubblicato qualche ora fa.

Fra le coalizioni, il centrodestra è saldamente al comando con il 38,4 (il 5 marzo ha raggiunto il 37,1). Il Movimento 5 Stelle è al 34 per cento (aumenta di poco il 32,7 ottenuto il 5 marzo). Il centrosinistra scende giù al 18,6 (alle elezioni di marzo aveva raggiunto il 22,3). Liberi e uguali è al 3,6 (aveva ottenuto il 3,4).

Nella coalizione di centrodestra, boom della Lega che oggi sarebbe votata dal 21 per cento degli Italiani (aveva ottenuto il 17,4 il 5 marzo); si diceva crollo Forza Italia che oggi avrebbe uno striminzito 12,2 per cento (era al 14 per cento); Fratelli d’Italia aumenta lentamente al 4,8 (aveva il 4,4); crollo per Noi con l’Italia Udc fermo allo 0,6 per cento (era all’1,3).

Nel centrosinistra, il Pd scende al 16,6 per cento (il 5 marzo aveva raggiunto il 18,7). L’unico dato politicamente rilevante della coalizione di centrosinistra è quello di “Più Europa con Emma Bonino”, che però non supera l’1,4 (aveva ottenuto il 2,5), gli altri partitini hanno percentuali minime.

Il Movimento 5 Stelle cresce di poco, attestandosi al 34 per cento (alle elezioni politiche aveva ottenuto il 32,7).

Per quanto riguarda la fiducia nei leader politici, Matteo Salvini è di gran lunga avanti a tutti con il 39 per cento. Segue Luigi di Maio con il 34; quindi l’attuale presidente del Consiglio Gentiloni con il 33. Emma Bonino al 21 per cento e Giorgia Meloni al 29 per cento. L’ex premier Matteo Renzi raccoglie la fiducia di appena il 18 per cento degli intervistati.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Strade e Scarpe

Ora potremo essere capitale di qualunque cosa, potremo candidarci ad accogliere tutto il mondo, ma fin quando le strade saranno piene di buche, la città sarà pur sempre una città da terzo mondo.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.