16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.49

Un uomo solo è al comando

6 Luglio 2018

Carissimi
“Un uomo solo è al comando, la sua maglia è bianco-celeste” bastava che Ferretti aprisse le sue radiocronache con questa frase e tutti sapevamo che il leader, il campione era in testa a comandare la gara e che non ce ne era per nessuno.

Si, ma erano i tempi di mio nonno, nel secolo scorso, dove l’uomo solo al comando era diventata quasi una costante e non sempre era stata una idea geniale, almeno alla lunga e poi non tutti gli uomini soli al comando facevano sport, ma soprattutto non avevano la maglia bianco-celeste, ma di colori che andavano dal nero più nero al rosso sangue e soprattutto di qualunque etnia e con la pelle di qualunque colore.

Non tutti si chiamavano Fausto Coppi, qualcuno si chiamò Benito Mussolini, Adolf Hitler, Iosif Vissarionovich Dzhugashvili detto Stalin, poi qualche altro Mao Zedong, Saloth Sar detto Pol Pot, Idi Amin Dada, qualche altro ancora Josip Broz Tito, Francisco Paulino Hermenegildo Franco y Bahamonde, Fidel Alejandro Castro Ruz. Chi sa perché quando sento qualcuno parlare di presidenzialismo, qualcuno che dice datemi la maggioranza e faccio tutto io, ho un brivido lungo la schiena e mi viene da chiedere: “perché?”

Ancora oggi quando vedo sistemi elettorali che danno al vincitore tutto il potere, mi chiedo: “perché? Stiamo parlando di ciclismo? Guardate che non si tratta di sport, questa è politica che è già difficile se a comandare sono in molti, pensate quando comanda uno solo?”

Anche nella nostra terra, l’aver dato i massimi poteri ai sindaci e ai governatori, ha cambiato in positivo le sorti della nostra isola? Forse avrà fatto stare bene i sostenitori stretti, i così detti cerchi magici, ma hai voglia di dire: “sarò il presidente di tutti, sarò il sindaco di tutti” …… ammettetelo mentre lo dite, ma già mentre state pensando di dirlo, vi viene già da ridere, pensando tra voi e voi …” col caz… e io avrei fatto tutto ciò per dividere con gli altri?”
“Sono lontani quei momenti, non quando uno sguardo provocava turbamenti”, ma quando il sole spuntava e spuntava per tutti, oggi il sole se spunta, spunta per pochi e per i restanti c’è un’ombra, per non dire uno scuro accussì fitto.
Però ogni tanto viene fuori qualcuno e ti dice: “non ti preoccupare, che adesso salgo io e le cose cambieranno, dimmi chi è il tuo nemico, il nero? Non ti preoccupare che ti risolvo definitivamente il problema”.

E tu ci caschi, prima di comprendere che non è il “Nero d’Avola” ma uno ancora più disgraziato di te, un extracomunitario scappato di casa al quale dare la caccia per farti sentire meglio e tu ti disperi perché quando parlavi di nero, parlavi del “nero” frutto della tanta evasione fiscale a tutti i livelli, quello che crea la discriminazione tra te a stipendio fisso, persona onesta e tutti i furbacchioni piccoli e grandi evasori.

Così ogni qualvolta il fisco ti prende ti costringe ad estenuanti sedute di sesso contro natura dove il festeggiato sei tu.

“Un uomo solo è al comando”, probabilmente è ancora così, perché l’uomo è sempre solo, ma ciò che mi preoccupa è la nebbia, quella che abbiamo nella nostra mente.
È in quel momento che ti rendi conto che dopo che per anni ti anno detto, lascia fare a noi, stai tranquillo, nel momento in cui glielo stai lasciando fare e ti viene la curiosità di andare dal comandante in cabina, per sapere come va, scopri che alla guida non c’è nessuno o peggio ti accorgi che nella poltrona accanto a quella vuota è rimasto, truccato da comandante in seconda il gregario, ma non Ettore Milano… magari, e quando gli chiedi “ma dov’è il comandante”, lui ti risponde è impegnato e allora ti viene da urlare: “ma impegnato a fare che cosa? Ci stiamo schiantando e ai comandi non c’è nessuno?”

Brutta vita quella del gregario, nella migliore delle ipotesi, ruba “ad insaputa del suo capo il vestito, millantando crediti” e va in quei posti dove non va nessuno, dove tutti aspettano il leader che non arriverà mai e dove neanche si accorgeranno di lui, anche se si è comprato le scarpe nuove per non sfigurare.
Hai voglia di lamentarti perché fai il gregario e devi macinare, come Lodetti, chilometri per far fare bella figura a Gianni Rivera, Ma anche ammesso che sei Lodetti e fai chilometri, se al posto di Rivera c’è Coronado, allora so caz… e per tutti.
Coraggio, gli anni passano più rapidamente di quando si possa pensare, i miti e i falsi miti vanno in archivio rapidamente, sembra ieri che Rivera prendeva da leader, al centro del campo di San Siro, il microfono per invitare la gente ad uscire fuori dal campo per permettere lo svolgimento della partita che avrebbe dato scudetto e stella al Milan.

Per favore in futuro non mi parlate mai più di uomini soli al comando che sistemeranno tutto.

Un abbraccio, Epruno.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.