Un video su Facebook e poi lo schianto. Tragico incidente sulla Palermo-Mazara :ilSicilia.it

Morto un 13enne, gravi il padre e il fratellino

Un video su Facebook e poi lo schianto. Tragico incidente sulla Palermo-Mazara

13 Luglio 2019

Un video postato su Facebook da Fabio Provenzano mentre è alla guida della sua auto e poi lo schianto mortale. Nel video si vede la faccia dell’uomo, poi tutto nero e nulla più.

Stanno indagando anche su questo particolare gli investigatori che stanno ricostruendo la dinamica dell’incidente avvenuto nella tarda serata di ieri sulla A29 nei pressi di Alcamo. Una Bmw, a bordo della quale viaggiavano padre e due figli, per cause in via di accertamento è uscita di strada ribaltandosi.

Sul posto sono intervenuti 4 equipaggi della Sezione Polizia Stradale di Trapani e dei reparti distaccati di Alcamo e Marsala, personale Anas, dei Vigili del Fuoco e del 118, che hanno messo in sicurezza la carreggiata e prestato i soccorsi.

Sin da subito è apparsa chiara la gravità dell’incidente, in quanto i tre occupanti dell’autovettura avevano riportato gravi lesioni.

Il figlio adolescente del guidatore è morto, mentre due feriti sono stati trasferiti nei vicini ospedali di Alcamo e Partinico.

Per il ragazzo di 13 anni il personale sanitario, dopo aver tentato la rianimazione, non ha potuto fare altro che dichiararne il decesso.

Il conducente Fabio Provenzano di 34 anni, padre del minore deceduto, versa in prognosi riservata, cosi’ come l’altro figlio minore, di 9 anni, che è in condizioni disperate, nonostante alcune notizie di stampa avessero riportato la sua morte. I medici fanno sapere che l’attività cerebrale del bambino potrebbe risiltarne gravemente compromessa.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona