26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Palermo

Dal 18 al 30 giugno

Un workshop internazionale a Palermo per parlare dello sviluppo economico e sociale sostenibile del territorio

23 Aprile 2018

 

Dal 18 al 30 giugno 2018 si svolgerà a Palermo il workshop internazionale “Palermo: cultural heritage, migration and sustainable development” (www.siculedu.org) organizzato dall’associazione culturale AUGE e dall’Agenzia di Cooperazione Internazionale in ambito culturale MhD Consulting.

palermoIl workshop internazionale sarà uno strumento per l’analisi e l’individuazione di idee e strategie innovative sul management culturale per uno sviluppo economico e sociale sostenibile del territorio. Il focus sarà incentrato su Palermo, quest‘anno Capitale Italiana della Cultura, che ha intrapreso un percorso di rigenerazione urbana e culturale innovativa.

Saranno affrontate tematiche legate ai riconoscimenti UNESCO dell’itinerario arabo-normanno, della dieta mediterranea come patrimonio immateriale dell’UNESCO, il partenariato Pubblico – Privato come metodo per la riqualificazione del patrimonio artistico e culturale della città, la migrazione e l’integrazione culturale come fattori di potenziamento economico e altro ancora.

Con l’obiettivo di contribuire a realizzare una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva, come previsto dai programmi elaborati dalla Commissione Europea per l’agenda culturale, il workshop rappresenta un primo passo di un programma educativo ampio, incentrato sulla città di Palermo e sulla Sicilia, per offrire nuove opportunità di sviluppo economico e rendere quest’ultima una piattaforma permanente europea per la formazione in ambito di beni culturali, turismo e sviluppo sostenibile. Le lezioni frontali verranno eseguite in sedi prestigiose ed edifici storici e artistici della città legati all’itinerario del programma, offrendo un’intensa esperienza di formazione a Palermo.

Il workshop è co-organizzato con numerose istituzioni accademiche nazionali e internazionali che ne hanno condiviso finalità e contenuti. Tra questi, l’Università di Palermo, il Reale Istituto Neerlandese di Roma, ICOMOS Italia (Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti), il Parco archeologico di Selinunte, il Centro Studi Silvia Santagata EBLA di Torino, la Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia, la Fondazione Teatro Massimo, l’Associazione Palazzo Alliata di Villafranca e IdiMed. L’iniziativa ha anche ricevuto il patrocinio del Comune di Palermo e dell’Assessorato a Regione Siciliana.

Il workshop è indirizzato agli studenti delle lauree triennali e specialistiche e ai giovani professionisti nel settore dei beni culturali, archeologia, architettura, economia dello sviluppo locale.

Le candidature sono già aperte (http://www.siculedu.org/app-form/). Per favorire la partecipazione degli studenti locali, saranno messe a disposizione borse di studio a loro riservate. Per restare aggiornato e per ulteriori informazioni, visita il sito www.siculedu.org.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.