19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.22
Palermo

Uno spazio in pieno centro storico

Una biblioteca a Palermo dedicata all’agente Agostino e alla moglie

31 Luglio 2018

Sarà inaugurata sabato 4 agosto alle ore 18 la “Biblioteca sociale Antonino Agostino e Ida Castelluccio” in via Sgarlata n.22 a Palermo.

Un piccolo luogo a pochi passi da via Maqueda semplice ma ricco di significato, voluto dalla caparbietà dell’associazione 100X100 in Movimento, che ha visto l’entusiasmo e il sostegno della famiglia Agostino.

Per l’occasione ha visto la collaborazione della casa editrice edizione Leima, di Cultural Mente e della Stanza dei Balocchi.

Un modo per non dimenticare quanto accaduto il 5 agosto 1989 . Nino Agostino, poliziotto della Questura di Palermo era a Villagrazia di Carini con la moglie Ida Castelluccio, sposata appena un mese prima ed incinta di due mesi. Mentre entravano nella villa di famiglia per festeggiare il compleanno della sorella di lui, un gruppo di sicari in motocicletta arrivò all’improvviso e cominciò a sparare sui due. Una tragedia che ancora non ha avuto giustizia e che merita di non essere dimenticata.

Ecco la volontà di mettere in piedi questa biblioteca che sarà messa a disposizione dell’intero quartiere e sarà fruibile soprattutto dai giovani e bambini, in un’area della città dove la dispersione scolastica raggiunge livelli molto elevati.

Potranno essere consultati libri di storia, di arte e soprattutto dedicati al contrasto e alla conoscenza delle mafie. Ma non solo, ci saranno dei libri per ragazzi, anche la collezione di Tex, che Nino Agostino amava leggere.

Un modo di portare avanti il concetto di “memoria partecipata” che passa attraverso le azioni e i gesti concreti. Un presidio di legalità, un bene comune a disposizione non solo del quartiere ma dell’intera città, per promuovere anche il cambiamento culturale, barriera contro l’affermazione di Cosa nostra nel territorio.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.