"Una famiglia è completa solo con un figlio?" Alle Orestiadi "Sara" lo spettacolo che si interroga sulla procreazione | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Lo spettacolo in prima nazionale a Gibellina mercoledì scorso

“Una famiglia è completa solo con un figlio?” Alle Orestiadi “Sara” lo spettacolo che si interroga sulla procreazione

di
5 Agosto 2017

Scienza, religione e sentimenti si ritrovano tutti su un palco e provano a far riflettere il pubblico sulla procreazione, sulle varie opportunità che oggi una coppia ha per avere dei figli. Per Taddeo, uomo di scienza, in scena insieme alla moglie e ad una figlia immaginaria, una famiglia si può definire tale solo quando c’è un figlio. Per la moglie un figlio è una benedizione di Dio e quindi non è disposta a prestarsi alla procreazione in vitreo.

Spinge ad una riflessione importante lo spettacolo di Ersilia Lombardo, regista e drammaturga di “Sara”, lo spettacolo teatrale in prima nazionale alle Orestiadi di Gibellina mercoledì scorso: avere un figlio a tutti i costi o seguire il corso della natura e aspettare che arrivi? e se non arriva mai? Le dinamiche familiari, l’amore, la solitudine, i desideri, i desideri dell’altro, gli egoismi, e l’inevitabile erosione di una coppia che dopo tanti anni di matrimonio si trova ancora ad affrontare mareggiate emotive per l’assenza di un figlio e come una roccia, a poco a poco, sotto ogni colpo perde qualcosa.

C’è forte la disperazione in questo spettacolo, la disperazione di chi è disposto a tutto pur di avere un figlio e la disperazione di chi ha come valore più alto la fede e non vuole cedere il passo alla scienza. Il sipario si apre su una figura strana non subito comprensibile, sembra quasi una particella di sodio in una bottiglia di acqua Lete, a poco a poco si definisce la sua figura con degli eccessi di gridolini e mugugni, è una bambina. Oggetto del desiderio di una coppia dove ognuno si batte per portare avanti le proprie ragioni convinto che siano più importanti di quelle dell’altro.

Dinamiche familiari e di coppia che tutti abbiamo vissuto, tutti abbiamo rivisto in quei fammenti di vita sul palco di Gibellina: i genitori, il nostro parter, i nostri fallimenti, le nostre inadeguatezze. In un mondo schizofrenico portare avanti le proprie idee e i propri ideali ridona la sensazione dell’autenticità ma è forse troppo facile inciampare nell’egoismo delle paure.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.