Una grande mostra per ricordare Sebastiano Tusa CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

L'Arsenale della Marina Regia si riapre alla città

Una grande mostra per ricordare Sebastiano Tusa CLICCA PER IL VIDEO

di
24 Dicembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Palermo – Sebastiano Tusa, una vita per la cultura, è il titolo del tributo che la Regione siciliana presenta alla città di Palermo, che con questa mostra vuole ricordare il grande archeologico ed offrire a tutti cittadini e turisti la possibilità di ritornare a fruire nuovamente di un straordinario edifico monumentale del 1600, l’Arsenale della Marina Regia che riapre i portoni dopo lo stop della pandemia.

Grande affluenza di pubblico e autorità per visitare la mostra, che per l’occasione raccoglie importanti reperti archeologici, come la zampa in bronzo di un grande elefante, i pregiati lingotti di oricalchi che hanno fatto sobbalzare tutti gli appassionati di Atlantide oppure i famosi Rostri della Battaglia delle Egadi, che hanno permesso a Tusa di riscrivere la storia di quell’evento segnando anche il suo destino. Per il tragico gioco dei numeri, quella battaglia coincide con lo stesso giorno e mese della tragica scomparsa di Sebastiano Tusa: 10 marzo.

Ed ancora in esposizione anche oggetti appartenenti a recenti naufragi, come ad esempio una campana in bronzo o i fanali di segnalazione di bordo.

“La mostra che si apre all’Arsenale è un omaggio alla memoria di un grande siciliano che appena qualche giorno fa abbiamo voluto ricordare con l’inaugurazione del monumento a lui dedicato nel Pantheon di Palermo. Una consacrazione – sottolinea l’assessore Samonà – che è un tributo di stima, riconoscenza e affetto nei confronti di un uomo, la cui grandezza è stata quella di trasformare il grande amore per la Sicilia e per la sua millenaria storia in azioni concrete. Raccontare la ricchezza di una vita di ricerche attraverso questa mostra, è un modo non soltanto per mantenerne vivo il ricordo, ma è anche l’occasione per ribadire la centralità che il nostro patrimonio culturale ha per una terra unica come la Sicilia: investire in cultura per noi vuol dire investire sul futuro”.

Valeria Li Vigni – “La mostra rappresenta la passione di Sebastiano verso la cultura. Il suo desiderio di riportare la Sicilia al centro del Mediterraneo capace di sviluppare un fervido dialogo culturale tra le diverse popolazioni e culture mediterranee, nella visione della cooperazione internazionale. Come sempre era solito ricordare: insieme possiamo tutelare e valorizzare il più grande museo del mondo, il Mediterraneo che quotidianamente ci svela, attraverso i tesori che custodisce, la nostra storia la nostra identita”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin