"Una pista ciclabile sullo stretto di Messina", la nuova ipotesi del Ministro scatena l'ironia dei social :ilSicilia.it
Messina

Lo ha scritto Paola De Micheli su twitter

“Una pista ciclabile sullo stretto di Messina”, la nuova ipotesi del Ministro scatena l’ironia dei social

di
3 Settembre 2020

Una pista ciclabile che colleghi Reggio Calabria e Messina: l’ipotesi è al vaglio di una speciale commissione, stando a quanto riferisce il ministro Paola De Micheli su Twitter. “Abbiamo istituito una commissione per capire qual è lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria. Per collegarle su ferro, su strada e con una pista ciclabile. L’opera che verrà deve essere sicura ed economicamente sostenibile”.

Il post, che lascia intravedere la possibilità di rimettere mano al progetto del Ponte o di un tunnel sotto lo Stretto, è stato però bersagliato dai commenti ironici degli utenti. Scatenati: ben 2.883 sono stati i commenti al post, a fronte delle poche decine raccolte da quelli precedenti.

“Si potrebbe provare col teletrasporto”, commenta l’esponente dem Matteo Orfini assieme a una gif con il Dottor Spock di Star Trek. “Ma se invece ci incontrassimo tutti in spiaggia a Trapani e spingessimo fortissimissimamente verso est così da spostare la Sicilia e unirla alla Calabria?”, propone chi si fa chiamare Panigotto. Il fumettista Francesco Artibani propone una soluzione da Banda Bassotti all’attacco del deposito di Zio Paperone: “Catapulte o grandi fionde, pensateci!”.

LE REAZIONI

Provenzano

Il ministro del Sud, Giuseppe Provenzano, dal palco degli Stati generali promossi dalla Cgil Puglia a Bari, ironizza contro la sua stessa collega di Governo“Non voglio citare il ponte sullo stretto di Messina su cui si esercita la fantasia dei miei colleghi di governo: ora dopo il ponte ci sarà il tunnel, le piste ciclabili, arriverà anche il monopattino, e spero che nessuno proponga la funivia o la catapulta”.

Giammanco

“Il progetto del Ponte sullo Stretto è pronto dai tempi del Governo Berlusconi ed è immediatamente realizzabile: basta perdere tempo. Il Ponte diventerà ovviamente un’attrazione turistica, giusto quindi che sia valorizzato al massimo in tal senso, anche con un percorso pedonale e ciclabile” così Gabriella Giammanco, portavoce di Forza Italia in Sicilia e Vice Presidente del Gruppo al Senato.

Seppure banale, quindi, non trovo ridicola la proposta del ministro de Micheli ma credo che questo sia l’ultimo aspetto su cui dover dibattere. Sarebbe prima opportuno decidere definitivamente di avviare i lavori per la realizzazione del Ponte. Aspettiamo da anni quella che potrebbe rappresentare l’unica vera grande opera di questo secolo, indispensabile non solo a collegare la Sicilia al resto d’Europa ma anche fondamentale a riattivare la nostra economia e a modernizzare il Paese” conclude Giammanco.

Giorgia Meloni

Più duro l’affondo della leader di Fdi Giorgia Meloni“Altri esperti, altre spese, una nuova commissione. Per fare cosa? Udite udite: ragionare su una pista ciclabile per collegare le due sponde dello stretto di Messina. Ma certo, in un momento di crisi come questo chi non ha come priorità fare due pedalate tra la Calabria e la Sicilia? Ma vi rendete conto a chi è in mano l’Italia? P.S. Ma la pista sarà omologata anche per i banchi a rotelle?”. Lo scrive su Facebook la Meloni, in risposta al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti