"Una pista ciclabile sullo stretto di Messina", la nuova ipotesi del Ministro scatena l'ironia dei social :ilSicilia.it
Messina

Lo ha scritto Paola De Micheli su twitter

“Una pista ciclabile sullo stretto di Messina”, la nuova ipotesi del Ministro scatena l’ironia dei social

di
3 Settembre 2020

Una pista ciclabile che colleghi Reggio Calabria e Messina: l’ipotesi è al vaglio di una speciale commissione, stando a quanto riferisce il ministro Paola De Micheli su Twitter. “Abbiamo istituito una commissione per capire qual è lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria. Per collegarle su ferro, su strada e con una pista ciclabile. L’opera che verrà deve essere sicura ed economicamente sostenibile”.

Il post, che lascia intravedere la possibilità di rimettere mano al progetto del Ponte o di un tunnel sotto lo Stretto, è stato però bersagliato dai commenti ironici degli utenti. Scatenati: ben 2.883 sono stati i commenti al post, a fronte delle poche decine raccolte da quelli precedenti.

“Si potrebbe provare col teletrasporto”, commenta l’esponente dem Matteo Orfini assieme a una gif con il Dottor Spock di Star Trek. “Ma se invece ci incontrassimo tutti in spiaggia a Trapani e spingessimo fortissimissimamente verso est così da spostare la Sicilia e unirla alla Calabria?”, propone chi si fa chiamare Panigotto. Il fumettista Francesco Artibani propone una soluzione da Banda Bassotti all’attacco del deposito di Zio Paperone: “Catapulte o grandi fionde, pensateci!”.

LE REAZIONI

Provenzano

Il ministro del Sud, Giuseppe Provenzano, dal palco degli Stati generali promossi dalla Cgil Puglia a Bari, ironizza contro la sua stessa collega di Governo“Non voglio citare il ponte sullo stretto di Messina su cui si esercita la fantasia dei miei colleghi di governo: ora dopo il ponte ci sarà il tunnel, le piste ciclabili, arriverà anche il monopattino, e spero che nessuno proponga la funivia o la catapulta”.

Giammanco

“Il progetto del Ponte sullo Stretto è pronto dai tempi del Governo Berlusconi ed è immediatamente realizzabile: basta perdere tempo. Il Ponte diventerà ovviamente un’attrazione turistica, giusto quindi che sia valorizzato al massimo in tal senso, anche con un percorso pedonale e ciclabile” così Gabriella Giammanco, portavoce di Forza Italia in Sicilia e Vice Presidente del Gruppo al Senato.

Seppure banale, quindi, non trovo ridicola la proposta del ministro de Micheli ma credo che questo sia l’ultimo aspetto su cui dover dibattere. Sarebbe prima opportuno decidere definitivamente di avviare i lavori per la realizzazione del Ponte. Aspettiamo da anni quella che potrebbe rappresentare l’unica vera grande opera di questo secolo, indispensabile non solo a collegare la Sicilia al resto d’Europa ma anche fondamentale a riattivare la nostra economia e a modernizzare il Paese” conclude Giammanco.

Giorgia Meloni

Più duro l’affondo della leader di Fdi Giorgia Meloni“Altri esperti, altre spese, una nuova commissione. Per fare cosa? Udite udite: ragionare su una pista ciclabile per collegare le due sponde dello stretto di Messina. Ma certo, in un momento di crisi come questo chi non ha come priorità fare due pedalate tra la Calabria e la Sicilia? Ma vi rendete conto a chi è in mano l’Italia? P.S. Ma la pista sarà omologata anche per i banchi a rotelle?”. Lo scrive su Facebook la Meloni, in risposta al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.