Una sola firma sulla mozione anti-De Luca. Il sindaco: "Sfiduciato è il capogruppo M5S" :ilSicilia.it
Messina

la richiesta di dimissioni è un flop

Una sola firma sulla mozione anti-De Luca. Il sindaco: “Sfiduciato è il capogruppo M5S”

di
11 Luglio 2020

“È scaduto il termine ultimo per mandare al voto ad ottobre anche la città di Messina. A conti fatti però, sulla mozione di sfiducia nei miei confronti presentata qualche giorno fa dal capogruppo del M5S Andrea Argento, si registra solo una firma, la sua. Alla fine dunque l’unico ad essere sfiduciato è proprio il consigliere Argento, considerato che nemmeno il gruppo che lui rappresenta in Consiglio lo ha seguito in tale iniziativa. Umanamente sono dispiaciuto per lui ma questo dovrebbe aiutarlo a trarre le dovute conclusioni”.

Lo dichiara il sindaco di Messina, Cateno De Luca, a seguito della raccolta firme avviata il 6 luglio scorso dal consigliere Andrea Argento, il cui intento era quello di raccogliere in Consiglio comunale 17 firme per indurre il primo cittadino a rassegnare immediate dimissioni.

“Ciò che in realtà è stato raccolto da Argento è una magra figura – sostiene De Luca –, altro che documento della svolta per il vero ‘Salva Messina’, come scriveva qualche giorno fa lo stesso consigliere dai suoi canali social, invitandomi dopo la raccolta firme a starmene definitivamente a Fiumedisi. Mi spiace per lui ma dopo la sua infelice iniziativa, spenderò ancora più energie per il rilancio della città. Prendo atto del senso di responsabilità dimostrato da tutti gli altri consiglieri comunali, prescindendo da ipotetiche tattiche o strategie che possano avere determinato la scelta di alcuni di loro. È invece importante in un momento così difficile guardare avanti con spirito costruttivo, tenendo sempre ben distinti gli interessi della città dalle simpatie o antipatie politiche e personali”.

“Sapevo sin dal primo giorno – conclude il sindaco di Messina – che non avendo consiglieri eletti nelle mie liste, il rapporto con l’Aula non sarebbe stato né facile né tanto meno scontato. Eppure in due anni siamo riusciti, anche grazie al Consiglio Comunale, a raggiungere importanti risultati. Ora si tratta di aprire una nuova fase di impegno quotidiano per il raggiungimento di obiettivi ancora più ambiziosi. Anche per questo motivo ho pensato di riorganizzare la squadra che mi affianca. Conto infatti di presentare alla città nella prossima settimana la nuova Giunta Municipale, la quale sarà rimodulata a seguito della relazione del secondo anno di attività amministrativa che ogni assessore ha svolto e che presenterò entro fine mese in Consiglio comunale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin