19 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.30
Palermo

Una cerimonia nel capoluogo siciliano

Una strada di Palermo intitolata a Vincenzo Spinelli, imprenditore vittima innocente di mafia

22 Luglio 2019

Una strada per ricordare Vincenzo Spinelli, assassinato nel 1982 dalla mafia. Finalmente, quello che per molti anni è stato un imprenditore dimenticato dalle istituzioni, ha una via di Palermo dedicata.

Già lo scorso anno, 36 anni dopo il delitto, per la prima volta questa vittima innocente era stata ricordata il 30 agosto con una cerimonia particolarmente affollata davanti davanti alla “Spirale della Vita”, l’installazione realizzata nell’ambito di “Manifesta 12” dall’artista veneziano Gianfranco Meggiato in memoria delle vittime di cosa nostra, alla presenza del sottosegretario all’Interno Stefano Candiani.

E adesso questo ulteriore riconoscimento, per un uomo che merita giustizia e che dev’essere onorato per il sacrificio compiuto nel nome della legalità. Una cerimonia è in programma a Palermo martedì 23 alle 9,30 alla presenza delle figlie Valeria e Tiziana Spinelli, in quella che fino a oggi è la via Valderice e che da ora in poi si chiamerà via Vincenzo Spinelli.

Vincenzo Spinelli è una vittima di mafia dimenticata: era un imprenditore nel settore dell’abbigliamento, fu uno tra i primi a non volersi piegare al vile ricatto mafioso del “pizzo”. Aveva 44 anni quando fu ucciso il 30 agosto del 1982, in un momento storico in cui lo Stato assente, assisteva da inerme spettatore al massacro mafioso dei suoi innocenti cittadini. Spinelli è stato poi riconosciuto “vittima innocente della mafia” da quello stesso Stato che lo aveva lasciato solo a difendere le proprie idee di giustizia e legalità.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.