Un'altra aristocrazia in "Vita di un gattopardo", diario dell'anima su un mondo andato | ilSicilia.it :ilSicilia.it

romanzo di Giuseppe Giaconia di Migaido

Un’altra aristocrazia in “Vita di un gattopardo”, diario dell’anima su un mondo andato

di
31 Gennaio 2020

Le vicende singole e collettive, gli stili di vita spagnoleschi, l’esagerazione come segno distintivo, la concezione del tempo marcata da ritmi imprescindibili, segni distintivi di un modo di essere dell’aristocrazia siciliana, hanno affascinato da sempre quanti si sono interessati alla storia della Sicilia.

Non è un caso che il Gattopardo, del principe Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che di tutto questo fa metafora, sia stato il romanzo italiano più venduto nel mondo. A rinverdire quel mondo è, oggi, Giuseppe Giaconia di Migaido, con il suo Vita di un gattopardo (Salvatore Marsala editore), un romanzo che è anche una sorta di diario della storia di un personaggio immaginario, il barone Giovanni Villarosa di Regalcaccia, vissuto fra la seconda metà dell’ottocento e la prima metà del novecento.

L’autore, raffinato rampollo di una famiglia che ha radici nei cavalieri normanni che liberarono la Sicilia dal dominio musulmano e che quindi de la noblesse sicilienne è parte, appare il più indicato a far rivivere questa storia anche se, si potrebbe dire, che corra il rischio di un più che naturale coinvolgimento.

Un rischio ampiamente sventato visto che, nonostante un evidente velo di nostalgia e di rammarico, l’autore non sembra lasciarsi travolgere da simpatie e sentimenti. Nessuno sconto, dunque, per quei vizi che avrebbero portato alla rovina del mondo aristocratico, nessun velo per le evidenti inclinazioni negative come la tendenza allo sperpero, l’orgoglioso rifiuto di accettare il mondo che cambia, i pregiudizi di casta ma tutto  scritto con delicatezza di tratto scandita, giorno dopo giorno, in questo diario dell’anima.

Per ottenere questo risultato, Giaconia inventa un personaggio positivo, non il classico barone siciliano che la letteratura ci ha tramandato, cioè un nobile arrogante e insensibile alle vicende umane del mondo che lo circonda, ma al contrario un uomo che, pur geloso della sua condizione sociale, fa della rettitudine la sua cifra identitaria quasi che attraverso questo ideal tipo si potesse trovare un’attenuante per una casta sociale, che storicamente ha sbagliato “quasi tutto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin