Un'altra aristocrazia in "Vita di un gattopardo", diario dell'anima su un mondo andato | ilSicilia.it :ilSicilia.it

romanzo di Giuseppe Giaconia di Migaido

Un’altra aristocrazia in “Vita di un gattopardo”, diario dell’anima su un mondo andato

di
31 Gennaio 2020

Le vicende singole e collettive, gli stili di vita spagnoleschi, l’esagerazione come segno distintivo, la concezione del tempo marcata da ritmi imprescindibili, segni distintivi di un modo di essere dell’aristocrazia siciliana, hanno affascinato da sempre quanti si sono interessati alla storia della Sicilia.

Non è un caso che il Gattopardo, del principe Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che di tutto questo fa metafora, sia stato il romanzo italiano più venduto nel mondo. A rinverdire quel mondo è, oggi, Giuseppe Giaconia di Migaido, con il suo Vita di un gattopardo (Salvatore Marsala editore), un romanzo che è anche una sorta di diario della storia di un personaggio immaginario, il barone Giovanni Villarosa di Regalcaccia, vissuto fra la seconda metà dell’ottocento e la prima metà del novecento.

L’autore, raffinato rampollo di una famiglia che ha radici nei cavalieri normanni che liberarono la Sicilia dal dominio musulmano e che quindi de la noblesse sicilienne è parte, appare il più indicato a far rivivere questa storia anche se, si potrebbe dire, che corra il rischio di un più che naturale coinvolgimento.

Un rischio ampiamente sventato visto che, nonostante un evidente velo di nostalgia e di rammarico, l’autore non sembra lasciarsi travolgere da simpatie e sentimenti. Nessuno sconto, dunque, per quei vizi che avrebbero portato alla rovina del mondo aristocratico, nessun velo per le evidenti inclinazioni negative come la tendenza allo sperpero, l’orgoglioso rifiuto di accettare il mondo che cambia, i pregiudizi di casta ma tutto  scritto con delicatezza di tratto scandita, giorno dopo giorno, in questo diario dell’anima.

Per ottenere questo risultato, Giaconia inventa un personaggio positivo, non il classico barone siciliano che la letteratura ci ha tramandato, cioè un nobile arrogante e insensibile alle vicende umane del mondo che lo circonda, ma al contrario un uomo che, pur geloso della sua condizione sociale, fa della rettitudine la sua cifra identitaria quasi che attraverso questo ideal tipo si potesse trovare un’attenuante per una casta sociale, che storicamente ha sbagliato “quasi tutto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.