11 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.51

Nasce un'associazione temporanea di scopo

Undici comuni si uniscono per valorizzare i castelli siciliani

23 Gennaio 2019

Undici i comuni che, insieme al Club Alpino Siciliano e alla s.r.l. Centomedia & Lode, hanno deciso di mettere su una associazione temporanea di scopo per valorizzare in rete i castelli di Sicilia.

Capofila Castelbuono, ad apporre la firma sul documento che ha consacrato la comunione d’intenti anche Alcamo, Burgio, Caccamo, Cammarata, Carini, Collesano, Marineo, Mussomeli, Salemi e Vicari.

I rappresentanti delle amministrazioni interessate si sono dati appuntamento a Marineo per dare spessore a un’idea che, pur già realizzata in passato, è stata rivisitata alla luce delle nuove esigenze che il flusso turistico, soprattutto internazionale, oggi manifesta.

Mario Cicero – Sindaco di Castelbuono
Mario Cicero

«Quella costituita vuole essere una rete – precisa Mario Cicero, sindaco di Castelbuono – per presentarci anche a livello internazionale: i castelli mantengono intatto il loro fascino e noi possediamo strutture uniche».

La valorizzazione condivisa permetterà la promozione dei territori «senza dimenticare – aggiunge Cicero – una efficiente logistica: ogni Comune, infatti, individuerà un responsabile per permettere ai turisti di spostarsi tra i castelli della rete e di trovare luoghi accoglienti, personale disponibile e narrazioni storiche puntuali».

L’Ats, scelta tecnica per contenere i costi e realizzare più velocemente gli obiettivi condivisi, nel porre al centro i castelli e le aree di pertinenza, tenterà di delineare un’offerta culturale ed enogastronomica integrata: una promozione strutturata, in definitiva, anche grazie alle collaborazioni con le aziende locali nel settore del marketing e della programmazione regionale, nazionale ed europea allo scopo di intercettare i finanziamenti europei a supporto delle azioni messe in campo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.