Unicredit: accordo con i sindacati. Esuberi volontari e turnover, in Sicilia almeno 400 tagli :ilSicilia.it

Urzi’ (FIRST CISL) e Angelini (FABI): "Indispensabili assunzioni in Sicilia per non depauperare le strutture nell’Isola"

Unicredit: accordo con i sindacati. Esuberi volontari e turnover, in Sicilia almeno 400 tagli

di
5 Febbraio 2017

Dopo una maratona lunga settimane e una trattativa non stop durata tutta la notte è stato siglato l’accordo tra Unicredit e i sindacati che prevede 3.900 esuberi volontari in cambio di 1.300 assunzioni. Il Piano industriale dell’Istituto di credito, quindi, incentiverà l’uscita dal lavoro prevedendo il turnover nel rapporto di un’assunzione ogni tre uscite e la stabilizzazione di 600 contratti di apprendistato.
In particolare i 3.900 esuberi si aggiungono ai 6.000 già stabiliti in precedenza. È questa la conseguenza della volontà dei vertici del gruppo di chiudere oltre 800 filiali nell’ambito delle strategie di rilancio per le quali sarà effettuato un maxi aumento di capitale da 13 miliardi di euro.

Come si traduce tutto questo per le filiali e i dipendenti siciliani? Lo spiegano Gabriele Urzì e Giuseppe Angelini rispettivamente segretari nazionali di Gruppo First Cisl Unicredit e Fabi. “Teniamo conto – dichiarano – che almeno un 10/15% dei tagli del personale e delle dipendenze si registrerà nell’Isola, dove Unicredit ha circa 360 filiali in Sicilia e poco piu’ di 4.000 dipendenti. Il nuovo modello di banca con modelli di business sempre più specializzati, servizi personalizzati, coordinamento più snello, canali di vendita più focalizzati, razionalizzazione di processi e migrazione verso canali evoluti, richiedono nuovo forza lavoro: non si puo’ sentir parlare di digitalizzazione e pensare di non immettere nuove risorse a sostegno di tali processi in Sicilia”.

gabriele urzì“Abbiamo unitariamente espresso la preoccupazione – continuano Urzì e Angelini – che l’assenza di un mancato turnover provocasse problemi di operatività delle filiali e sul fatto che a fronte delle perdite emerse in estate (che hanno spinto a varare il maxi aumento) ci fossero ricadute così pesanti sui dipendenti. L’intesa invece prevede appunto l’assoluta volontarietà delle uscite e un meccanismo di turnover indispensabile anche in Sicilia dove da circa 10 anni non si assume nessuno”.

Nell’arco dei prossimi tre anni il piano garantisce che non si procederà a nuovi esuberi o piani di uscita. È stato raggiunto anche un accordo sugli inquadramenti del personale, sulla cassa sanitaria che prevede l’equiparazione del contributo aziendale uguale per tutti i lavoratori e sul premio 2016 che sarà corrisposto per 600 euro in contanti e 800 sotto forma di welfare.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin