13 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.21
Agrigento

il grido d’allarme del sindacato FABI

Unicredit: “Ad Agrigento e provincia è allarme rosso, il personale è al collasso”

3 Luglio 2019

“Già in sei mesi nell’Area Commerciale di Agrigento e provincia di UniCredit, sono andati in esodo sette colleghi e non sono stati sostituiti, unica risorsa che arriva è un trimestralista a Lampedusa. Così dichiara Camillo Bongiovì, Segretario Provinciale della FABI di Agrigento.

“Tra esodati e colleghi che hanno avuto problemi fisici (e di conseguenza assenti) le risorse umane sono al limite del collasso, – spiega il sindacalista –  consideriamo pure l’unificazione delle 2 aree Agrigento e Sciacca (prima separate) che ha comportato maggiori carichi di lavoro, soprattutto nelle agenzie. Assistiamo a file interminabili allo sportello nonostante tutto il personale sia disponibile ad assistere la clientela, a prescindere dalla mansione che ricopre”.

Camillo Bongiovì (FABI Agrigento)
Camillo Bongiovì

“Gli interventi della Fabi Agrigento, in merito al personale, sono stati sempre assidui e costanti nelle sedi opportune, – aggiunge – ma nonostante gli sforzi dell’area manager di Agrigento, del Hrbp di riferimento, dei vertici della Region Sicilia la situazione è al collasso”. 

“La FABI  – conclude  Bongiovì – rileva che l’impegno locale è al massimo ma i risultati molto scadenti poiché ormai tutto in termini quantitativi è gestito da Milano e un solo cassiere (Lampedusa) per un’area così grande è davvero troppo poco, per cui proponiamo così come già fatto nel corso di precedenti incontri in Sicilia con Unicredit, di consultare su base volontaria i colleghi disponibili ad andare presso le filiali, e l’assunzione di giovani sia stagionali che con contratto di apprendistato professionalizzante,  tutto ciò darebbe lustro alle agenzie e ne gioverebbero clienti e colleghi”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.