Unicredit: "Ad Agrigento e provincia è allarme rosso, il personale è al collasso” :ilSicilia.it
Agrigento

il grido d’allarme del sindacato FABI

Unicredit: “Ad Agrigento e provincia è allarme rosso, il personale è al collasso”

3 Luglio 2019

“Già in sei mesi nell’Area Commerciale di Agrigento e provincia di UniCredit, sono andati in esodo sette colleghi e non sono stati sostituiti, unica risorsa che arriva è un trimestralista a Lampedusa. Così dichiara Camillo Bongiovì, Segretario Provinciale della FABI di Agrigento.

“Tra esodati e colleghi che hanno avuto problemi fisici (e di conseguenza assenti) le risorse umane sono al limite del collasso, – spiega il sindacalista –  consideriamo pure l’unificazione delle 2 aree Agrigento e Sciacca (prima separate) che ha comportato maggiori carichi di lavoro, soprattutto nelle agenzie. Assistiamo a file interminabili allo sportello nonostante tutto il personale sia disponibile ad assistere la clientela, a prescindere dalla mansione che ricopre”.

Camillo Bongiovì (FABI Agrigento)
Camillo Bongiovì

“Gli interventi della Fabi Agrigento, in merito al personale, sono stati sempre assidui e costanti nelle sedi opportune, – aggiunge – ma nonostante gli sforzi dell’area manager di Agrigento, del Hrbp di riferimento, dei vertici della Region Sicilia la situazione è al collasso”. 

“La FABI  – conclude  Bongiovì – rileva che l’impegno locale è al massimo ma i risultati molto scadenti poiché ormai tutto in termini quantitativi è gestito da Milano e un solo cassiere (Lampedusa) per un’area così grande è davvero troppo poco, per cui proponiamo così come già fatto nel corso di precedenti incontri in Sicilia con Unicredit, di consultare su base volontaria i colleghi disponibili ad andare presso le filiali, e l’assunzione di giovani sia stagionali che con contratto di apprendistato professionalizzante,  tutto ciò darebbe lustro alle agenzie e ne gioverebbero clienti e colleghi”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona