3 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.44

I lavoratori siciliani coinvolti sono 52

Unicredit Sicilia, First Cisl: “Cessione del Credito su pegno grave errore strategico”

28 Giugno 2018

A seguito dell’accordo firmato il 12 giugno a Milano, dal lunedì 2 luglio i 52 lavoratori siciliani dell’ex Credito su Pegno di Unicredit, distribuiti nelle 10 filiali dell’Isola, inizieranno a lavorare sotto le insegne di Custodia Valore, società del gruppo austriaco Dorotheum. Di questi 6 sono stagionali che verranno confermati alla scadenza proprio a seguito dell’intesa siglata a Milano.
Complessivamente su tutto il territorio nazionale sono 33 le filiali cedute con 165 dipendenti oltre a 23 stagionali.

La cessione è arrivata dopo una lunga e controversa trattativa sindacale che si è conclusa con una intesa che, se da un lato lascia contenti i sindacati che sono riusciti a spuntare le migliori garanzie per i dipendenti (welfare, contratto, assistenza sanitaria, assicurazioni, agevolazioni creditizie), suscita non poche perplessità perché continua ad aumentare il numero delle cessioni di asset che Unicredit ritiene non strategici ma che invece sono ad alto reddito e valore aggiunto.

Urzì“Lo abbiamo riportato anche sul testo dell’accordo del 12 giugno – afferma Gabriele Urzì Segretario Nazionale First Cisl Unicredit  – dove abbiamo ribadito la nostra contrarietà all’operazione industriale, sostenendo, dati alla mano, che sarebbe stato molto più utile e produttivo mantenere le attività del Credito su Pegno all’interno del Gruppo Unicredit in quanto, a prescindere dal ruolo sociale del Pegno da sempre esercitato da Sicilcassa prima, da Banco di Sicilia e Capitalia poi, il settore è a sofferenze zero e altamente redditizio (il valore supera i 140 milioni di euro). Sembra il copione già visto della cessione del comparto sofferenze, anche quello un gioiello di famiglia ceduto, operazione che, unitamente alla cessione di quote di Pioneer e Fineco, non fa altro che impoverire ulteriormente l’ossatura di un Gruppo che continua a vendere gioielli di famiglia al solo scopo di fare cassa”.

“Tutto questo – conclude Urzì –  nell’assordante silenzio della politica locale e regionale che, tranne qualche estemporaneo spot elettorale, si è, come fa da anni, totalmente disinteressata del problema”.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.