Unicredit, importante intesa: ok all'assunzione di oltre 500 giovani :ilSicilia.it

Lo rendono noto Gabriele Urzì e Giuseppe Angelini

Unicredit, importante intesa: ok all’assunzione di oltre 500 giovani

di
1 Febbraio 2018

Dopo  una lunga fase di trattative è stato sottoscritto un accordo tra i Sindacati e il gruppo Unicredit sul cosiddetto Piano Giovani che prevede numerose uscite volontarie a fronte di circa 550 assunzioni stimate. L’accordo prevede l’allargamento del bacino dei possibili aderenti alle uscite oltre ai 915 che matureranno i requisiti per andare in pensione entro il primo dicembre 2023.

“Di questi 915 – dichiarano Gabriele Urzì e Giuseppe Angelini rispettivamente Segretari Nazionali di Gruppo Unicredit First Cisl e FABI174 sono in Sicilia e sono colleghi che volontariamente non hanno aderito agli esodi volontari ai sensi dell’accordo del 4 febbraio 2017.

Gabriele Urzì

Infatti è stato deciso che possano aderire anche i circa 800 colleghi che matureranno i requisiti nel primo semestre 2024. In questo modo si stima di raggiungere un numero sufficiente di adesioni volontarie che porteranno all’assunzione di oltre 500 giovani. Invece, i lavoratori che presenteranno dimissioni irrevocabili pur non avendo i requisiti pensionistici,  potranno avere liquidate da un minino di 24 ad un massimo di 36 mensilità e lasciare il servizio ma senza l’assegno di accompagnamento. È fondamentale – affermano Urzì  e Angelini –  avere mantenuto la volontarietà  che rimane un punto fermo di questa operazione: l’adesione sarà libera e per chi sceglierà questa strada e’ previsto l’accesso al fondo di solidarietà in chiave espansiva. Speriamo inoltre che una quota dei nuovi assunti venga assegnata anche in Sicilia dove da tempo ormai la rete è in fortissima difficoltà e dove negli ultimi 10  anni le assunzioni si contano sulle dita di una mano”.

Buone notizie anche per il circa 3.800 dipendenti del Gruppo Unicredit in Sicilia.

“L’accordo prevede anche un premio di produttività pari a 800 euro lordi per tutto il personale del Gruppo (Unicredit SpA, UBIS, Fineco, Unicredit Leasing, Unicredit Factoring, Cordusio, Unicredit Bank AG), che sarà liquidato a giugno 2018. Per chi decide la liquidazione a “conto Welfare” l’importo sale a 1.150 euro. E’ un accordo che insieme ad altre importanti intese sulla Formazione, sulla qualità del lavoro e le politiche commerciali, sull’assistenza sanitaria e sistema del welfare – concludono i sindacalisti – costituisce un riconoscimento dell’impegno profuso dai lavoratori in tempi difficili per tutti e che ha consentito anche quest’anno ad Unicredit di raggiungere ottimi risultati di bilancio”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin