Unicredit paga le tasse e versa 64 milioni alla Regione Siciliana :ilSicilia.it

Per il secondo anno consecutivo

Unicredit paga le tasse e versa 64 milioni alla Regione Siciliana

di
19 Novembre 2019

Per il secondo anno consecutivo, Unicredit verserà nelle casse della Regione Siciliana le imposte pagate dalla banca all’erario.

Un riconoscimento alla Regione, quindi, di una parte dei tributi  annuali, circa 64 milioni di euro, che saranno versati dall’istituto di credito per i redditi prodotti nell’Isola, così come prevede l’articolo 37 dello Statuto siciliano.

malandrino unicredit

A comunicare la notizia al governatore Nello Musumeci è stato il responsabile di Unicredit Sicilia, Salvatore Malandrino, nel corso di un incontro a Palazzo Orleans: “La decisione di Unicredit – evidenzia il presidente della Regione – rappresenta un ulteriore segnale di attenzione della banca verso il nostro territorio. Per questo motivo voglio esprimere un apprezzamento per la scelta, assunta così come nello scorso anno in maniera condivisa il ministero dell’Economia. Si tratta di un passo importante affinché, finalmente, il gettito di tutte le imposte erariali maturate nell’Isola, ancorché versate al di fuori per ragioni di carattere amministrativo, restino in Sicilia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.