Università di Messina, 62 docenti inclusi nella classifica mondiale dei migliori Ricercatori :ilSicilia.it
Messina

il rapporto della Stanford University

Università di Messina, 62 docenti inclusi nella classifica mondiale dei migliori Ricercatori

di
5 Novembre 2021

La Stanford University ha recentemente pubblicato un aggiornamento di uno studio di bibliometria, la scienza che utilizza tecniche matematiche e statistiche per analizzare la quantità, la qualità e la diffusione delle pubblicazioni all’interno delle comunità scientifiche.

Il nuovo rapporto è stato firmato dal prof. John Ioannidis (della Stanford University), in collaborazione con la Elsevier ed  il database per la ricerca scientifica mondiale “Scopus”, aggiornato con gli indicatori di citazioni standardizzate, relativi a ben 8,6 milioni di ricercatori di Università e Centri di ricerca di tutto il mondo. Di questi, circa 175 mila rientrano nel top 2%. Vi sono, in tutto, due classificazioni: la prima basata sull’intera carriera dei ricercatori e la seconda che invece si riferisce al solo anno 2020. Per ogni ricercatore viene indicato il settore in cui è attivo e il ranking corrispondente, differenziato tra ranking che includono i riferimenti di auto-citazioni e quelli che non li includono.

L’Università di Messina, considerando solo i ricercatori che rientrano fra i primi 175  mila, vanta 30 ricercatori nella classificazione che fa riferimento all’intera carriera (alcuni in pensione) e 56 ricercatori nella lista riferita al solo anno 2020. I proff. Salvatore Cuzzocrea e Gabriele Centi, inoltre, rientrano – da ranking – fra i primi 10 mila ricercatori a livello mondiale in relazione alla classificazione della carriera.

I ricercatori UniMe inclusi nel rapporto della Stanford University sono:  Gabriele Centi, Salvatore Cuzzocrea, Salvatore Oddo, Giovanni Neri, Vincenzo Ficarra, Sebastiano Campagna, Luigi Mondello, Antonio M. Persico, Gabriele Bonanno, Salvatore Benvenga, Edoardo Spina, Giovanni Raimondo, Jan C. J. Bart, Guido Ferlazzo, Francesco Arena, Scolastica Serroni, Gianlorenzo Dionigi, Stefano Cavallato, Gioacchino Calapai, Lorenzo Torrisi, Siglinda Perathoner, Francesco Squadrito, Paola Dugo, Marco Cicciù, Antonella Saija, Giuseppe Muscolino, Salvatore Magazzù, Francesco Fazio, Maria C. Nucci, Raffaello Romeo, Caterina Faggio, Dario De Domenico, Luca Fiorillo, Andrea d’Avella, Fabiola Atzeni, Angelo Quartarone, Domenico Cucinotta, Luigi Calabrese, Sebastiano Gangemi, Giuseppe Piccione, Tiziana Cappello, Maria Grazia Pennisi, Concettina Fenga, Domenico Trombetta, Gabriele Cervino, Giuseppe Ricciardi, Vincenzo Crupi, Davide Barreca, Pasquale De Meo, Stefania Mondello, Peter Quinto Tranchida, Alessandra Bitto, Rosanna Di Paola, Emanuela Esposito, Giovanni Finocchio, Gaetano Caramori, Giuseppina Mandalari, Domenica Altavilla, Carmelo M. Vicario, Salvatore Distefano, Claudio Ampelli, Massimiliano Beretta.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin