Università di Palermo, il sindacato SNALS: "Situazione grave, disponibili a tavolo tecnico con il Rettore" :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE DEL COORDINATORE PROVINCIALE GIOVANNI MADONIA FERRARO

Università di Palermo, il sindacato SNALS: “Situazione grave, disponibili a tavolo tecnico con il Rettore”

di
29 Aprile 2020

Il coordinatore provinciale della SNALS Giovanni Madonia Ferraro, commenta il difficile momento che sta attraversando il mondo dell’Università, con particolare riferimento all’ateneo di Palermo.

La drammaticità della situazione italiana in questi tragici momenti di emergenza pandemica e di lockdown totale è ormai cosa nota a tutti in ogni angolo del globo. Si tratta di una crisi profonda che sta sconvolgendo questo Paese sino alle sue radici più profonde, al di là del punto di vista che si voglia scegliere per inquadrarla, sia sanitario, economico, sociale, psichico, individuale“, dichiara il coordinatore SNALS.

ferraro-snals
Giovanni Madonia Ferraro

Da quasi tutte le organizzazioni sindacali e dalla RSU è giunto al Rettore pro-tempore un coro di richieste di confronto per una gestione più condivisa possibile della cosiddetta Fase 2 di graduale uscita dal lockdown in cui tutti viviamo da mesi“.

Ed è con sincero stupore che abbiamo appreso, dopo reiterate richieste, della convocazione della parte pubblica per lunedì 4 maggio prossimo delle O.O.S.S. per illustrare le linee guida della fase 2 alla presenza del Rettore che, dopo lunga, inspiegabile e irrispettosa assenza, ci avrebbe onorati della sua preziosa ed apprezzabile presenzialità“.

La positiva sorpresa è, però, purtroppo, durata quanto un giro di giostra. Nel pomeriggio stesso di ieri è, infatti, apparsa sull’edizione web locale del quotidiano “La Repubblica” su “Coronavirus, università di Palermo verso la Fase 2: già 28mila gli esami online” un’intervista al Rettore in cui egli esplicitava le sue linee programmatiche in merito alla fase 2“, sottolinea Madonia Ferraro.

Questo comportamento monocratico è la spia incontrovertibile della stima che il Rettore pro tempore nutre nei confronti degli organi collegiali, delle parti sociali e dell’intera comunità università trattati come un gregge da indirizzare a forza di comunicati stampa“.

Essere il Rettore pro tempore della Università degli Studi di Palermo è un onore. E tale privilegio va rispettato, anche e soprattutto per osservanza della propria comunità composta da migliaia di persone, in carne ed ossa, che la rendono viva e grazie alle quali un Rettore può indossare l’ermellino e guardare al futuro, al termine di tale prestigioso mandato, con occhi carichi di una esperienza unica e di un bagaglio prezioso per altri passaggi“.

Per tale ragione, rendiamo ragione ai nostri lavoratori e alla nostra comunità universitaria della nostra assenza al tavolo di confronto con la parte pubblica in materia di linee guida Fase 2 emergenza covid-19 e comunichiamo contestualmente al Rettore pro tempore la nostra indisponibilità a tale gestione delle relazioni sindacali“, chiosa Madonia Ferraro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.