Università: gli studenti a fianco dei docenti che chiedono gli scatti stipendiali | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Giorno 6 ottobre lo sciopero

Università: gli studenti a fianco dei docenti che chiedono gli scatti stipendiali

13 Settembre 2017

Anche i professori e i ricercatori palermitani chiedono lo sblocco delle classi e degli scatti stipendiali, bloccati nel quinquennio 2011-2015“. E’ quanto chiesto dall’assemblea di ateneo in sostegno allo sciopero di professori e ricercatori dell’Università di Palermo che si è tenuta ieri. Lo sciopero prevede l’astensione dei docenti dallo svolgimento del primo appello degli esami di profitto nelle università italiane durante la sessione di esami autunnale che va dal 28 agosto al 31 ottobre. Studenti e docenti hanno deciso di organizzare una manifestazione il 6 ottobre per chiedere chevengano rivisti i criteri di suddivisione dei finanziamenti agli Atenei che, secondo i partecipanti all’assemblea, sono totalmente sganciati dalle reali necessita del territorio meridionale e palermitano“.

Gli studenti hanno infatti riconosciuto come valide le richieste portate avanti dai docenti e si sono schierati al loro fianco nella protesta. Secondo loro il blocco delle classi e degli stipendi si inserisce perfettamente in un quadro di de-finanziamento strutturale dell’università, de-finanziamento che, negli ultimi anni, ha interessato maggiormente gli atenei del Sud. Dicono ancora gli studenti intervenuti che “Solo dal 2008 al 2015 gli Atenei del mezzogiorno hanno visto diminuire i finanziamenti complessivi del 30% circa, questo ha avuto ricadute pesantissime per le nostre università. Strutture inadeguate e spesso inagibili, mancanza di aule studio e biblioteche, forti carenze nell’offerta formativa, nella ricerca e nei servizi“.

L’Ateneo palermitano ha perso quasi 25 mila studenti dal 2010 ad oggi e questo dato da ulteriore conferma dell’inadeguatezza delle politiche del MIUR. Queste, infatti, costringono ogni anno miglia e migliaia di studenti, e aspiranti tali, a scegliere di andare al nord o all’estero per avere accesso a percorsi di formazione, apparentemente, più qualificanti e qualificati o per rincorrere una condizione lavorativa all’altezza degli standard imposti e quindi a dover emigrare e scappare dal deserto che avanza.

Dopo una settimana di contro-informazione sulla questione dello sciopero dei docenti, – dicono gli studenti – portata avanti dagli studenti all’interno della cittadella universitaria, questa assemblea ci dona sicuramente la possibilità di rimettere al centro dell’agenda pubblica alcuni temi che troppo spesso vengono lasciati nel cassetto“.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.