Università, Lagalla: "Risorse nazionali insufficienti. In Sicilia, misure regionali coraggiose" | VIDEO :ilSicilia.it

L'intervista all'assessore regionale all'Istruzione

Università, Lagalla: “Risorse nazionali insufficienti. In Sicilia, misure regionali coraggiose” | VIDEO

di
17 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il diritto allo studio universitario, non è omogeneo in tutta Italia. In particolare, lo stanziamento pro-capite del governo nazionale a sostegno degli studenti varia a seconda delle regioni. In Sicilia, l‘Assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione guidato da Roberto Lagalla, ha adottato una strategia precisa per colmare questo gap.

Nello specifico, lo stanziamento pro-capite in euro del governo nazionale per il pagamento degli studenti idonei (Fonte: Presidenza Ersu Palermo su elaborazione dati Corte dei conti) vede le Marche al primo posto con 2.184 euro, seguite da Calabria 1.933, Toscana 1.922, Umbria 1.877, Sardegna 1.660, Friuli 1.592, Emilia-Romagna 1.581, Abruzzo 1.452, Piemonte 1.393, Puglia 1.443, Liguria 1.388, Basilicata 1.382, Lazio 1.233, Sicilia 1.219, Veneto 1.128, Val D’Aosta 1.184, Lombardia 1.011, Molise 995 e, fanalino di coda, la Campania con appena 437 euro.

La Sicilia si posiziona dunque al 14° posto tra le regioni italiane e, dal report presentato dall’Ersu in occasione della Prima giornata del diritto allo studio universitario, emerge la ragione che ha determinato il fatto che, fino all’anno 2020 molti studenti siciliani, non abbiano ottenuto la borsa di studio, nonostante ne avessero pieno diritto. Per questo motivo si è reso necessario l’intervento della Regione siciliana.

“Il governo Musumeci – dice Roberto Lagalla – si è impegnato a fondo per sostenere il diritto allo studio universitario e l’accesso degli studenti universitari alla continuità delle loro attività. Abbiamo erogato risorse a favore dei canoni d’affitto che durante il periodo di pandemia sono stati spesso un onere inutile ed improprio anche per quegli studenti siciliani che operano in altre università italiane”.

Fra i benefici erogati tra il 2019 e il 2020 si sottolinea il pagamento di tutti i contributi alloggio grazia alla misura regionale da 4 milioni di euro a cui va aggiunto il contributo straordinario Covid da 400 euro a tutti gli idonei non assegnatari (a cui si sommano altri 400 euro con la finanziaria regionale che portano il contributo totale a 800 euro a studente), le misure previste dal bando sussidi straordinari (con l’erogazione di 500.000 euro) e la gestione del bando di concorso per gli studenti siciliani che studiano all’estero (Misura regionale  da 800 euro a studente per un totale di 4 milioni di euro).

Nel 2021, grazie all’utilizzo dei fondi europei, si è arrivati a un ulteriore passo in avanti. “Quest’anno, abbiamo raggiunto un risultato importantissimo: quello di consegnare a tutti coloro che ne avessero fatta richiesta il contributo dell’Ersu, di modo che in Sicilia la copertura delle borse di studio è stata pari al 100% delle richieste. Sono in corso ulteriori azioni degli Ersu per il sostegno alla residenzialità universitaria e in più, abbiamo sostenuto le università siciliane con contributi straordinari per l’edilizia leggera, per il potenziamento delle dotazioni informatiche a partire dai device individuali. Credo che, l’azione del governo sul piano delle università, sia stato un impegno intenso che non ha, nella compagine nazionale, molti altri esempi di questa natura dal momento che, in altre regioni ci si è limitati all’utilizzazione delle risorse nazionali senza intaccare quelle regionali. Abbiamo fatto una scelta diversa anche nell’ottica di recuperare un flusso di studenti e su questo c’è un ulteriore specifica misura. Gli studi universitari, la formazione di terzo livello costituisce in questa regione, uno degli strumenti cardine, un volano per recuperare la logica dello sviluppo e la prospettiva di una congrua ed  opportuna e adeguate utilizzazione del Pnrr”, ha concluso l’assessore regionale all’Istruzione

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin