Università, Midiri: "A Palermo voglio ateneo intraprendente" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione del professore

Università, Midiri: “A Palermo voglio ateneo intraprendente”

di
21 Giugno 2021

“La ricerca deve essere il punto centrale dell’università di Palermo e la nuova conoscenza determinata dalla ricerca può essere trasferita in modello a cui ci possiamo richiamare, ‘l’università intraprendente’ come dicono alla Stanford University. Ecco quale deve essere il nostro modello di università, luogo in cui si genera conoscenza da trasferire”. Lo ha detto il professore Massimo Midiri, direttore della cattedra di radiologia e diagnostica per immagini del policlinico e candidato alla poltrona di rettore del dopo Fabrizio Micari, assieme al professore Francesco Vitale.

“Le università siciliane ma penso a tutte quelle del Mezzogiorno – aggiunge – non possono essere diplomifici, ma strutture capaci di fare ricerca, didattica, cultura ed eventi culturali, manifestazioni. A Palermo deve essere in grado di far proprie le esigenze di un’intera comunità, e mi riferisco a tutta la Sicilia occidentale”. Ma l’Ateneo per il professore Midiri, che ha indicato come suo prorettore il docente di Ingegneria Enrico Napoli, deve essere protagonista della città.

“La nostra università deve recitare il proprio ruolo attraverso i suoi campus e i poli decentrati, strutture che devono generale cultura e fare in modo che i ragazzi possano uscire dalla aule e vivere in posti adeguati. Immagino interventi in spazi verdi, mobilità sostenibile, alla possibilità di consumo di cibi biologici a km. zero, al wifi gratuito, a migliorare i quartieri dove gravitano i nostri campus anche attraverso proiezioni cinematografiche aperte ai cittadini. Bisogna far intersecare università e città, anche con il sistema museale dell’università che è enorme, si può formare un ecosistema museale integrato alla città, pensiamo al nostro Orto Botanico”.

E poi Midiri spiega che nel Pnrr “ci sono alcune azioni che puntano al rilancio del Mezzogiorno anche attraverso opere infrastrutturali, dobbiamo approfittarne e fare rete tutti assieme con gli altri atenei siciliani e quelli del Sud”. A sostenere la candidatura, di quello che verrebbe dato come candidato vincente, le sottoscrizioni di 735 dei 1.478 docenti e di 327 tecnici, amministrativi e bibliotecari.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.