"Uno che conoscevo", al Teatro Libero una riflessione sul mondo dell'informazione :ilSicilia.it
Palermo

Dal 15 al 17 marzo

“Uno che conoscevo”, al Teatro Libero una riflessione sul mondo dell’informazione

di
8 Marzo 2018

La stagione del Teatro Libero di Palermo prosegue con lo spettacolo Uno che conoscevo“, di Corrado Accordino, al debutto giovedì 15, alle 21,15.

Giochi di potere e opportunismi rendono la pièce una “discesa agli inferi” tra le magagne dell’informazione nella redazione di un telegiornale, composta da tre giornalisti e una stagista.

Lo stress degli ascolti, la priorità da dare alle notizie, l’atmosfera che si infiamma per un nonnulla: in questo quadro prende vita “Uno che conoscevo“, sviscerando il sistema complesso di leggi non dette che governano il mondo dell’informazione impiegando a un cast giovane e fresco definito “rock” dalle critiche.

unocheconoscevo

Una storia di vessazioni e di educazione al mestiere che vede la protagonista, una giovane stagista, imparare le regole del gioco: un subdolo e necessario destreggiarsi tra dinamiche d’ufficio, segreti pericolosi e opportunismi. E in meno di un mese di lavoro, tra una notizia e l’altra, impara bene il mestiere, anche meglio di quanto i suoi maestri potessero pensare.

In scena, insieme al regista Accordino, anche Veronica Franzosi, Valentina Mandruzzato, Chiara Tomei; scene e costumi di Maria Chiara Vitali, assistente alla regia Valentina Paiano; foto di scena di Giulio Mazzi.

Lo spettacolo, sostenuto nell’ambito del progetto Next 2016, replicherà a Palermo fino al 17 marzo; il giorno seguente si sposterà (in scena alle 17,30) al teatro Selinus di Castelvetrano, con ulteriori repliche lunedì 19 e martedì 20, alle 11.30.

Informazioni su orari e costi sul sito del teatro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.