"Uno che conoscevo", al Teatro Libero una riflessione sul mondo dell'informazione :ilSicilia.it
Palermo

Dal 15 al 17 marzo

“Uno che conoscevo”, al Teatro Libero una riflessione sul mondo dell’informazione

8 Marzo 2018

La stagione del Teatro Libero di Palermo prosegue con lo spettacolo Uno che conoscevo“, di Corrado Accordino, al debutto giovedì 15, alle 21,15.

Giochi di potere e opportunismi rendono la pièce una “discesa agli inferi” tra le magagne dell’informazione nella redazione di un telegiornale, composta da tre giornalisti e una stagista.

Lo stress degli ascolti, la priorità da dare alle notizie, l’atmosfera che si infiamma per un nonnulla: in questo quadro prende vita “Uno che conoscevo“, sviscerando il sistema complesso di leggi non dette che governano il mondo dell’informazione impiegando a un cast giovane e fresco definito “rock” dalle critiche.

unocheconoscevo

Una storia di vessazioni e di educazione al mestiere che vede la protagonista, una giovane stagista, imparare le regole del gioco: un subdolo e necessario destreggiarsi tra dinamiche d’ufficio, segreti pericolosi e opportunismi. E in meno di un mese di lavoro, tra una notizia e l’altra, impara bene il mestiere, anche meglio di quanto i suoi maestri potessero pensare.

In scena, insieme al regista Accordino, anche Veronica Franzosi, Valentina Mandruzzato, Chiara Tomei; scene e costumi di Maria Chiara Vitali, assistente alla regia Valentina Paiano; foto di scena di Giulio Mazzi.

Lo spettacolo, sostenuto nell’ambito del progetto Next 2016, replicherà a Palermo fino al 17 marzo; il giorno seguente si sposterà (in scena alle 17,30) al teatro Selinus di Castelvetrano, con ulteriori repliche lunedì 19 e martedì 20, alle 11.30.

Informazioni su orari e costi sul sito del teatro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.