Uno scatto lungo 25 anni. Quel sorriso immortale tra Falcone e Borsellino :ilSicilia.it
Palermo

La storia di quello scatto simbolo che rimarrà nella storia per sempre

Uno scatto lungo 25 anni. Quel sorriso immortale tra Falcone e Borsellino

di
27 Marzo 2017

Una foto che ha fatto storia, l’ultimo sorriso tra Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Quell’istantanea del 27 marzo 1992 è diventata un vero e proprio simbolo della storia Repubblicana di questo Paese. Inizialmente scartata dai quotidiani, la foto divenne celebre soltanto dopo la strage di via D’Amelio, dopo la scomparsa del giudice Borsellino. Lo scatto firmato da Tony Gentile ha raccontato da quel momento. in tutti i quotidiani, uno degli ultimi sorrisi tra Falcone e Borsellino.

Dopo un quarto di secolo, pochi conoscono la storia che c’è dietro quello scatto. Il 27 marzo del 1992 Falcone e Borsellino si diedero appuntamento al palazzo Trinacria di Palermo, nel rione storico della Kalsa, il quartiere dove nacque l’amicizia fraterna tra i due. Il quartiere dove Giovanni e Paolo erano nati.

L’occasione di quell’incontro è la presentazione della candidatura alla Camera del collega Giuseppe Ayala. Lo stesso Ayala che – ironia del caso – arriverà tra i primi in via D’Amelio dopo il boato delle 16:58, e che maneggerà perfino la borsa di Paolo Borsellino, quella che presumibilmente conteneva la famigerata agenda rossa, mai ritrovata.

 

Palermo, quel 27 marzo 1992, è in fermento. Il 5 e 6 aprile di quel tragico anno si terranno le elezioni politiche dell’era Mani Pulite. Quindici giorni prima avevano ucciso Salvo Lima, il tramite di Andreotti in Sicilia con la mafia. Un omicidio che segnò la svolta, per la rottura del patto tra la Dc siciliana e Cosa nostra. Pochi mesi dopo sarebbero arrivate le stragi che cambiarono per sempre l’Italia.

Falcone e Borsellino, stipati dietro quel tavolo, l’uno con gli occhiali in mano, l’altro con le immancabili sigarette, sorridevano, ignari del destino che da lì a poco li avrebbe colpiti entrambi. Si sussurrano qualcosa, a bassa voce, poi uno dei due fa una battuta, si allontanano per un momento per poi riavvicinarsi. E il sorriso illumina, forse per l’ultima volta, i loro occhi.

Falcone e Borsellino - Sequenza Tony Gentile (tratta da Repubblica)
Falcone e Borsellino – Sequenza Tony Gentile (tratta da Repubblica)

Dall’altra parte di quel tavolo c’è un giovane fotoreporter del Giornale di Sicilia, Tony Gentile, che schiaccia il pulsante della sua macchina fotografica in sequenza, una serie di volte, fino a beccare proprio quel preciso momento del sorriso.

 

Il giorno dopo quella fotografia non viene pubblicata. Gli promisero che l’avrebbero pubblicata da un altro giorno all’altro. Ma non fu così. Rimase chiusa nel cassetto fino al 20 luglio 1992, il giorno dopo via D’Amelio.

Quell’immagine di Falcone e Borsellino sorridenti riuscì a scuotere le coscienze. «Capii che la mia foto era diventata un simbolo – racconta Gentile oggi a Repubblica quando la vidi stampata sui lenzuoli bianchi che migliaia di cittadini appesero alle loro finestre. E poi quando il padre di Nino Agostino, il poliziotto ucciso dalla mafia insieme alla moglie qualche anno prima, apri il corteo del 23 maggio del ’93, un anno dopo la strage di Capaci, tenendo fra le mani proprio quell’immagine».

Un simbolo di riscatto, di rinascita di una terra martoriata che reagisce contro la logica mafiosa. I giovani, le nuove generazioni, «hanno imparato a conoscere la storia della lotta alla mafia grazie alla mia foto. E – conclude – tanti turisti che sbarcano in aeroporto a Palermo e si soffermano anche solo per un istante davanti a quell’immagine. Resterà per sempre nel cuore della gente».

 

© Riproduzione Riservata
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin