Un'operazione, il Covid e tanta paura: la testimonianza di Margherita|VIDEOINTERVISTA :ilSicilia.it
Palermo

l'intervista

Un’operazione, il Covid e tanta paura: la testimonianza di Margherita|VIDEOINTERVISTA

di
1 Maggio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO E LA GALLERY IN BASSO

Dopo tanto tempo dall’inizio della pandemia da Covid, ancora non se ne vede la fine. Tra lo sconforto, il dolore e l’amarezza di una condizione opprimente, la speranza è la sola cosa che accompagna gli animi. Così è stato per Margherita, che grazie alla forza della speranza e dell’amore della famiglia è riuscita a sconfiggere il mostro che l’aveva attanagliata.

È stato terribile“, esordisce Margherita, trovando forza nella figlia Cetti. “Sono stata ricoverata perché avevo un dolore lacerante ai reni e il medico di base ha detto di chiamare subito l’ambulanza. Sono stata portata in ospedale e dopo diversi controlli mi hanno trasferita all’Ismett e alle 11 della sera del 15 dicembre sono entrata in sala operatoria e ne sono uscita la mattina seguente“, ricorda.

Sin dall’inizio della pandemia Margherita è rimasta a casa col marito, senza uscire per paura di potersi contagiare. Ma il destino non ha voluto premiarla: “Dopo l’intervento mi hanno trasferita in una stanza per la riabilitazione con un altro letto vuoto, che sarà riempito nel corso della sera da un’altra paziente“.

L’unico errore tuttavia è stato quello di essersi sentita vicina a quell’unica compagnia e di essersi avvicinata troppo: “La signora veniva da un’altra struttura dove c’era stato un focolaio di contagi, ma lei non lo sapeva. Il giorno dopo le hanno fatto il tampone: positiva“, così Margherita ripensa a quei momenti di angoscia.

Mi hanno fatto quattro tamponi e l’ultimo è risultato positivo“, da qui comincia il calvario di Margherita, che per due lunghi mesi è stata ricoverata in terapia intensiva.

Quando ho scoperto di essere positiva mi sono messa a piangere. Già avevo le mie sofferenze, non mangiavo perché non potevo inghiottire. A questo punto mi sono scoraggiata“, confessa commossa Margherita. “Quando mi hanno portata nel reparto Covid al Civico mi sono fatta forza. Nella stanza c’erano altri 4 pazienti che mi hanno dato tanto coraggio, e poi i medici e gli infermieri sono stati meravigliosi“.

Di fondamentale importanza è stata anche la famiglia di Margherita che nonostante la sofferenza e lo sconforto è riuscita ad infonderle coraggio e speranza: “Scoprire che, dopo un’operazione così complessa, mia madre aveva preso il virus è stato devastante – si confida Cetti, insegnante e figlia di Margherita – La notizia è stata un trauma, però sapevamo di avere un compito: sorreggerla in tutto il suo percorso, anche se questa malattia comporta l’allontanamento forzato facendo sprofondare in una solitudine totale“.

Vorrei sottolineare – continua Cetti – l’importanza della comunicazione tra i medici e la famiglia. Io capisco che i medici hanno molto da fare, però è importante questo aspetto per le famiglie, perché così si innesca un aiuto a catena per i pazienti“.

Alla fine Margherita, dopo due lunghi mesi, si è potuta finalmente ricongiungere alla propria famiglia. Oggi sono tornati a sorridere e ad abbracciarsi tutti insieme col marito, le due figlie e il nipotino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti