18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.56

Aveva la testa fracassata

Uomo di 78 anni trovato morto nel Catanese: ipotesi di omicidio

19 Aprile 2019

E’ di Giuseppe Ciancitto, 78 anni, un postino ormai in pensione, il corpo senza vita ritrovato all’interno dell’appartamento di via Catanzaro. A chiamare i soccorsi sono stati i familiari dell’uomo che viveva da solo, perchè vedovo.

Da una prima e sommaria ricostruzione l’uomo e’ stato aggredito e cadendo ha sbattuto violentemente la testa. I carabinieri della Compagnia di Paternó indagano, per omicidio, nella sfera familiare della vittima.

I carabinieri, su disposizione del sostituto procuratore di Catania, Valentina Botti, hanno fermato la figlia 38enne della vittima per omicidio preterintenzionale. Secondo la ricostruzione degli investigatori, la donna, al culmine di una lite, avrebbe spinto il padre, un ex impiegato delle poste adesso in pensione, facendolo cadere per terra e facendogli sbattere la testa.

L’uomo avrebbe avuto anche un infarto al miocardio.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.