Uranio impoverito, morto Nuzzi: il carabiniere che proteggeva Falcone e Borsellino | ilSicilia.it :ilSicilia.it

aveva 48 anni

Uranio impoverito, morto Nuzzi: il carabiniere che proteggeva Falcone e Borsellino

23 Aprile 2019

Non sono state le pallottole della criminalità a fermarlo ma un lento e inesorabile male dovuto all’uranio impoverito. Lui è Daniele Nuzzi, il carabiniere che per anni ha vegliato sulla vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. È morto a 48 anni, era stato in missione di pace in Bosnia dove sarebbe venuto a contatto con la sostanze che lo avrebbero ucciso lentamente.

Tornato in Italia, si è affidato alle cure di un oncologo in grado di curare patologie derivanti da questo genere di “avvelenamento” ma non c’è stato niente da fare.

La sezione di Chiaravalle dell’Associazione nazionale carabinieri, lo ha commemorato con un post nella propria pagina Facebook: “Era stato un angelo a protezione di Ilaria Alpi a Mogadiscio in Somalia, a protezione del giudice Falcone e del giudice Borsellino a Palermo (…) buon viaggio Daniele, possa la terra esserti lieve”.

 

Leggi il post su Facebook in basso:

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.