Uso, abuso e dipendenza da telefonini: a Palermo prende il via il progetto "Stop-Phone" | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

Presentato a Villa Magnisi

Uso, abuso e dipendenza da telefonini: a Palermo prende il via il progetto “Stop-Phone” | Video interviste

2 Febbraio 2019

Guarda video interviste in alto

Promuovere un corretto e consapevole uso degli smartphone ed informare sui rischi dell’utilizzo di questi dispositivi in età pediatrica e non solo.

Sono gli obiettivi del progetto “Stop-Phone” messo a punto dall’Asp di Palermo presentato a Villa Magnisi, sede dell’Ordine dei Medici di Palermo, nel corso di un evento formativo in cui la tematica è stata approcciata attraverso l’analisi di esperti sui maggiori rischi psicologici e fisici.

Il progetto biennale è rivolto alle scuole del Distretto 42 (Palermo e Provincia) e prevede il coinvolgimento delle comunità professionali attraverso una rete inter-istituzionale, coordinata da Vivi Sano Onlus, associazione che si occuperà dell’organizzazione di tutti gli interventi.

Roberto LagallaAll’incontro formativo hanno preso parte i massimi esperti del settore in Sicilia tra cui l’assessore alla Formazione Roberto Lagalla che ha affermato: “Si tratta di una tematica che attraversa il senso stesso della modernità, è impensabile oggi pensare una persona senza il suo smartphone, noi però da classe dirigente dobbiamo esaminarne gli aspetti sottesi e che possono assumere sul piano sanitario la connotazione di una vera e propria dipendenza, sul piano educativo anche il condizionamento del pensiero e siccome la scuola è punto di elaborazione alto del pensiero ma anche di formazione di metodo è necessario capire quanto un prepotere delle forme di comunicazione, non siano in condizione di pregiudicare la crescita civile e l’elaborazione intellettuale dei nostri ragazzi“.

Toti AmatoGià gli ordini dei medici da parecchi anni a livello Europeo si sono occupati dell’argomento, sia del rischio delle radiazioni delle radiofrequenze e delle onde elettromagnetiche  –  afferma Toti Amato, presidente dell’ordine dei medici, provincia di Palermo – non si tratta solo di un rischio fisico ma vi è anche un problema educazionale di questi strumenti che per quanto utili bisogna usare con intelligenza e sagacia“.

Daniela SegretoRispetto alle linee guida regionali la dottoressa Daniela Segreto, dirigente servizio 5 – promozione della salute dell’assessorato regionale della Salute – Dasoe,  “In questo momento noi siamo impegnati nell’avvio di uno studio epidemiologico che serve proprio a comprendere, in particolar modo in Sicilia, quelli che possono essere gli impatti potenzialmente negativi di un uso smisurato del cellulare. Le linee di indirizzo danno importanza alla sensibilizzazione, educazione e alla promozione scolastica, perchè sono prevalentemente i ragazzi preda del possibile impatto negativo soprattutto dopo un uso frequente a distanza di anni“.

Roberto GambinoL’Asp di Palermo già da alcuni anni porta avanti non solo una riflessione ma anche una serie di interventi operativi che ci hanno messo nelle condizioni di esplorare questo complesso fenomeno dell’utilizzo degli smartphone. L’input arriva da alcuni allarmi di livello internazionale e partono dal rischio fisico, quindi, elettromagnetico legato all’utilizzo non corretto e non consapevole di questi strumenti. Il nostro progetto investe tutti i livelli ecosistemici della problematica e non stiamo intervenendo solo con i ragazzi, ma stiamo cercando di intervenire su tutti gli attori che ruotano attorno i bambini” ha detto il dottore Roberto Gambino, referente scientifico progettuale – Asp di Palermo.

Daniele GilibertiSi tratta di un intervento biennale – afferma Daniele Giliberti di Vivi  Sano Onlus che inizia con le scuole secondarie di primo grado con l’erogazione di un questionario e una plenaria in cui cercheremo di spiegare ai ragazzi i pericoli e i rischi fisici e psicologici da uso, abuso e dipendenza di questi strumenti“.

 

 

 

Per ulteriori approfondimenti sul mondo della sanità siciliana vai su: www.sanitainsicilia.it

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.