Ustica: dagli scarti del pesce nascono cosmetici :ilSicilia.it
Palermo

il progetto Bythos

Ustica: dagli scarti del pesce nascono cosmetici

5 Settembre 2019

Anche il Comune di Ustica sposa il progetto Bythos che, attraverso l’utilizzo degli scarti di pesce, quali molluschi, crostacei, tonno e pesce azzurro, ha come obiettivo lo sviluppo di nuovi prodotti ottenuti da molecole bioattive, tra cui il collagene e gli omega 3 e 6 come antibatterici, antimicrobici, antitumorali per la salute umana nel campo delle biotecnologie, ma anche per altri svariati usi.

“Abbiamo avviato una proficua interlocuzione con i comuni a vocazione turistica perché crediamo fortemente nel progetto di recupero per una vera cultura del riciclo dei prodotti del mare destinati altrimenti ad essere inevitabilmente scartati. E dopo Lipari anche Ustica è fortemente interessata a sposare questo progetto”. Lo ha affermato l’amministratore delegato del Distretto Pescaturismo cultura del mare in Sicilia, Andrea Aiello, durante l’incontro avuto con il sindaco di Ustica, Salvatore Militello al quale ha anche partecipato l’assessore al turismo dell’Isola, Beatrice Daidone.

Salvatore Militello, Andrea Aiello e Beatrice Daidone
Da sx: Salvatore Militello, Andrea Aiello e Beatrice Daidone.

“Ma non solo – ha aggiunto Aiello – perché grazie a questa procedura sarà possibile creare una filiera che, oltre all’aspetto molteplice che gli stessi scarti possono produrre, potrà diventare volano di economia”.

Infatti, l’obiettivo di isolare dalla biomassa ittica di scarto, che normalmente viene smaltita, i BAM, molecole biologicamente attive, come il collagene sta incontrando un’elevata domanda di mercato.

Tra i settori interessati quelli dell’industria farmaceutica e in particolare della cosmetica a cui si aggiunge anche l’acquacoltura e cioè la possibilità di creazione di laboratori Bythos per lo sviluppo commerciale dei prodotti e il trasferimento di tale sperimentazione a tutti quegli imprenditori locali interessati ad investire in un segmento assolutamente in crescita.

L’iniziativa, che complessivamente vede in prima linea il “Distretto Pesca turismo e Cultura del mare in Sicilia”, ha come capofila il Dipartimento di Scienze e Tecnologie biologiche, chimiche e farmaceutiche dell’Università degli Studi di Palermo e il Ministero all’Ambiente di Malta. E recentemente ha visto già la partecipazione del Comune di Lipari che ha ottenuto un finanziato di oltre due milioni di euro nell’ambito del programma INTERREG V-A Italia-Malta 2014-2020.

Il “Distretto Pesca turismo e Cultura delmare in Sicilia” fa parte dei 26 distretti turistici instituiti dalla Regione siciliana con l’obiettivo di promuovere e creare una rete di coordinamento delle attività turistiche tra tutti i comuni del distretto che dia valore aggiunto alla collaborazione interterritoriale. Oltre alla progettazione e programmazione di interventi comunitari, ha anche avviato procedure per la concessione di finanziamenti da parte della Regione Siciliana.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.