Ustica Lines e corruzione, avvisi di conclusione indagini a Crocetta, Simona Vicari e Morace | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Concluse le indagini della procura

Ustica Lines e corruzione, avvisi di conclusione indagini a Crocetta, Simona Vicari e Morace

di
9 Novembre 2018

Un altro tassello nell’inchiesta per corruzione relativa alla compagnia “Ustica Lines” e ai suoi rapporti con la politica. Corruzione è l’accusa di cui dovranno rispondere l’ex presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta e l’ex sottosegretario ai Trasporti Simona Vicari. Ai due esponenti politici sono stati notificati avvisi di conclusione indagini, perchè – secondo la procura di Palermo – avrebbero ottenuto regali e soldi dall’armatore Ettore Morace.

A Crocetta sarebbero andati diecimila euro mediante due bonifici da 5 mila ciascuno, destinati al finanziamento del progetto “Riparte Sicilia”, in cambio di corsie preferenziali per “Ustica Lines”. Questo, secondo il procuratore aggiunto Sergio Demontis e il sostituto Francesco Gualtieri, A Simona Vicari, invece, viene contestato di aver ricevuto in regalo un Rolex da 5000 euro, in cambio della disponibilità a far approvare un emendamento parlamentare che andasse incontro alle esigenze della compagnia di navigazione.

Fra gli altri indagati che hanno ricevuto avvisi di conclusione indagini ci sono, oltre a Crocetta, Vicari ed Ettore Morace, anche Vittorio Morace, Marianna Caronia, Salvatrice Severino, Mimmo Fazio, Giuseppe Montalto, Massimo Finocchiaro, , Elisabetta Miceli, Giacomo Monteleone, Sergio Bagarella e Lucio Cipolla.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin